L’intelligenza artificiale può fornire validi consigli sulla salute come quelli di un vero medico

La nuova piattaforma di intelligenza artificiale secondo una ricerca pubblicata sul sito della Cornell University Library, ha dimostrato la sua capacità di fornire consigli sulla salute, buono quanto quello di un vero medico.
La tecnologia sviluppata dalla società britannica Babylon Health, configurata come app di telefonia mobile, o sito web, permette ai pazienti di interagire tramite un servizio di chat (a breve sarà disponibile anche una versione a comando vocale).
Il sistema di intelligenza artificiale è stato sottoposto a rigorosi test condotti in collaborazione con il Royal College of Physicians del Regno Unito, nonché con ricercatori della Stanford University e del Yale New Haven Health System.
Parte di questo test ha coinvolto il sistema nel sostenere un esame di diagnosi medica che i medici di cure primarie in tirocinio nel Regno Unito devono superare per poter esercitare la professione in modo indipendente. E’ degno di nota il fatto che l’intelligenza artificiale nelle vesti di un medico abbia ottenuto l’81 per cento dei voti al suo primo tentativo. Negli ultimi cinque anni, la media dei voti ottenuti dai medici veri è stata del 72%.
Nelle situazioni quotidiane, tuttavia, ai medici è presentata una gamma molto più ampia di malattie e condizioni che gli esami possono valutare. Sono stati quindi condotti ulteriori test che imitano scenari di vita reale, in cui l’intelligenza artificiale è stata confrontata con sette medici di base con grande esperienza.
L’intelligenza artificiale Babylon in questi studi ha raggiunto l’80% di diagnosi accurate, rispetto ad un punteggio compreso tra il 64% e il 94% tra i medici umani. Testata solo in condizioni più comuni, l’accuratezza dell’intelligenza artificiale è salita al 98%, rispetto a un intervallo compreso tra il 52% e il 99% per i medici reali.
Babylon Health afferma che l’intelligenza artificiale è in grado di apprendere nel tempo, man mano che un numero maggiore di persone interagisce con il sistema, acquisisce conoscenze dalle ultime ricerche, il che significa che la sua velocità di apprendimento potrebbe migliorare in modo significativo.
I risultati suggeriscono che l’intelligenza artificiale ha il potenziale per essere estremamente benefica. Integrata con i servizi sanitari esistenti, potrebbe contribuire a ridurre il carico sui medici, consentendo loro di ottenere diagnosi più rapide e accurate, nonché di risparmiare tempo e ridurre i costi. In più, il sistema potrebbe essere usato per fornire l’accesso di consiglio medico di alta qualità a coloro che hanno bisogno.
Ali Parsa, fondatore e CEO di Babylon ha detto:
«L’Organizzazione Mondiale della Sanità a livello globale stima che ci sia una carenza di oltre 5 milioni di medici, lasciando più della metà della popolazione mondiale senza accesso anche ai servizi sanitari di base.
L’assistenza primaria anche nelle nazioni più ricche sta diventando sempre più inaccessibile e scomoda, spesso con tempi di attesa che la rendono difficilmente accessibile. Le più recenti capacità di intelligenza artificiale di Babylon dimostrano che è possibile per chiunque, indipendentemente dal paese di appartenenza, circostanze o ricchezza, di avere accesso gratuito a consigli di salute che sono alla pari con i quelli dei migliori medici praticanti».
Stephanie Worrell, vice presidente di Babylon ha detto:
«Nonostante le promesse del nuovo sistema, ci sono limiti per l’intelligenza artificiale, ad esempio, non può sostituire le cure fisiche e umane che possono essere praticate da un vero medico. Tuttavia, a livello infrastrutturale, le capacità di risparmio che l’intelligenza artificiale può potenzialmente comportare per l’erogazione dell’assistenza sanitaria sono molto consistenti. Il ruolo che può svolgere anche nel consentire alle persone di impegnarsi e monitorare la propria salute, porterà a diagnosi più precoci e a livelli più elevati di salute pubblica».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento