Diritti delle donne, l’Islanda è il primo paese al mondo a legalizzare la parità di retribuzione

In Islanda è entrata in vigore una nuova legge che rende illegale pagare gli uomini più delle donne. La legislazione, entrata in vigore il 1° gennaio 2018, rende l’Islanda, il primo paese al mondo a legalizzare la parità di retribuzione tra uomini e donne: secondo le nuove regole, le aziende e le agenzie governative che impiegano almeno 25 persone dovranno ottenere la certificazione governativa delle loro politiche di parità salariale. Coloro che non riescono a dimostrare la parità salariale saranno multati.
Dagny Osk Aradottir Pind figura di spicco nel direttivo dell’associazione islandese per i diritti delle donne, ha detto:
«La normativa fondamentalmente è un meccanismo di valutazione del lavoro per ottenere una certificazione a garanzia che donne e uomini ricevano la stessa retribuzione. Da decenni abbiamo una legislazione che afferma che la retribuzione dovrebbe essere uguale per uomini e donne, ma abbiamo ancora un divario retributivo».
L’Islanda, nazione insulare dell’Europa settentrionale, situata nell’oceano Atlantico settentrionale, tra la Groenlandia e la Gran Bretagna, è uno dei paesi meno popolati in Europa (nel gennaio 2016 la popolazione era di 332.529 abitanti), ha un’economia forte, basata sul turismo e sulla pesca, negli ultimi nove anni è stata classificata dal World Economic Forum (WEF) come il paese con la maggiore parità di genere al mondo.
Il Global Gender Gap Report (introdotto dal World Economic Forum nel 2006, fornisce un quadro che mostra l’ampiezza e la portata del divario di genere in tutto il mondo) per misurare lo stato di uguaglianza di genere in un paese utilizza indicatori quali opportunità economiche, empowerment politico (cambiare il proprio ambiente sociale per migliorare l’equità e la qualità di vita), salute e sopravvivenza.
L’Islanda dall’inizio nelle relazioni nel 2016 ha colmato circa il 10% del divario di genere totale, il che la rende uno dei paesi con il più rapido miglioramento al mondo.
La nuova legislazione è stata appoggiata dal governo di centrodestra dell’Islanda, così come dall’opposizione, in un parlamento in cui quasi il 50 per cento di tutti i membri sono donne.
Dagny Osk Aradottir Pind ha aggiunto:
«Penso che ora la gente stia cominciando a rendersi conto che questo è un problema sistematico che dobbiamo affrontare con nuovi metodi. Le donne ne parlano da decenni, credo davvero che siamo riusciti a sensibilizzare l’opinione pubblica, arrivando al punto che le persone si sono rese conto che la legislazione in vigore non funziona e dobbiamo fare qualcosa di più».
Il governo islandese entro il 2020 prevede di sradicare completamente il divario salariale.

Disuguaglianza di genere in tutto il mondo
L’ultimo rapporto del World Economic Forum (WEF), a livello globale ha indicato i primi cinque migliori interpreti del divario di genere sono: Islanda, Norvegia, Finlandia, Ruanda e Svezia.
Lo Yemen, al contrario, è il più basso dei 144 paesi misurati nel rapporto, per diversi anni devastato dalla guerra, ha avuto bassi risultati in termini di partecipazione economica e opportunità.
Cinquantadue paesi sono scesi sotto la media globale nel 2017, tra cui Cina, Liberia ed Emirati Arabi Uniti, mentre 60 paesi hanno visto diminuire il loro divario di genere.
L’Ungheria è l’unico paese europeo a essere classificato di sotto la media globale, avendo ottenuto un punteggio scarso sull’emancipazione politica.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “Diritti delle donne, l’Islanda è il primo paese al mondo a legalizzare la parità di retribuzione

Lascia un commento