La Guardia Svizzera, l’esercito privato del Papa, svela i nuovi elmi di plastica stampati in 3D

La Guardia Svizzera ha interrotto secoli di tradizione adottando un nuovo elmo realizzato in plastica, creato da una stampante 3D, più leggero da indossare, al costo di 860 euro, circa la metà del prezzo di quello tradizionale in metallo.
Ogni elmo in PVC è marchiato con lo stemma di Papa Giulio II, nel 1506 fondò l’esercito privato di truppe mercenarie, era conosciuto come il “Papa guerriero”.
Il  nuovo elmo resistente ai raggi UV (le guardie con le alabarde, in Vaticano trascorrono all’aperto gran parte del loro tempo), è stato presentato da Cristoph Graf, comandante del corpo, in occasione del 6 maggio, come ogni anno è il giorno del Giuramento per le nuove reclute della Guardia Svizzera Pontificia. Trentadue nuove reclute, tutti uomini single, svizzeri, cattolici, di età inferiore ai 30 anni, entreranno a far parte della forza per un minimo di due anni.
La Guardia Svizzera è famosa per essere l’esercito più piccolo del mondo, in generale, è responsabile della sicurezza del Papa e del Vaticano. Le guardie svizzere indossano uniformi con i colori tradizionali dei Medici, blu, rosso e giallo, cui si lega molto bene il bianco dei guanti e del colletto.
L’uniforme di gala prevede una vistosa gorgiera, guanti bianchi e morione di metallo chiaro con pennacchio di struzzo, bianco per il comandante e il sergente maggiore, viola scuro per il tenente, rosso su morione nero per gli alabardieri, e misto, giallo e nero, su morione anche nero, per i tamburi. Nel morione, a destra e a sinistra, è raffigurata a sbalzo la quercia dei Della Rovere.
Le guardie svizzere sebbene svolgano i loro compiti cerimoniali con spade e alabarde, portano una serie di moderne armi da fuoco, anche quando sono schierate in abiti civili come la guardia del corpo del Papa.
Il più rilevante impegno militare della Guardia Svizzera risale al 1527, quando 190 guardie svizzere morirono combattendo contro le truppe del Sacro Romano Impero durante il Sacco di Roma, consentendo a Clemente VII di fuggire verso la salvezza.
Le guardie svizzere hanno servito più di 40 papi, giurano fedeltà di proteggere la vita del Papa con la loro, se necessario. Lavorano a fianco della gendarmeria vaticana.
La Guardia Svizzera fu colpita da uno scandalo nel 1988, quando il suo comandante, Alois Estermann, fu assassinato insieme a sua moglie da una guardia insoddisfatta che poi si tolse la vita. Nessuno all’infuori delle autorità vaticane, ha potuto verificare come si siano svolti realmente i fatti e ciò ha lasciato spazio a ipotesi e illazioni.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “La Guardia Svizzera, l’esercito privato del Papa, svela i nuovi elmi di plastica stampati in 3D

  1. gli elmi in plastica – e neppure economici – per motivi di bottega.. che tristezza. Giulio II si rivolterà nella tomba

Lascia un commento