Gli svedesi riducendo l’inquinamento hanno già guadagnato un anno di vita in più

Sappiamo che l’inquinamento uccide. Le emissioni di anidride carbonica, protossido di azoto e particolato hanno conseguenze durature e molto profonde sulla salute degli abitanti: alcune persone, secondo l’ora del giorno, del periodo dell’anno e della specifica città, solo per il gusto di camminare all’aperto, involontariamente fumano l’equivalente di due o tre sigarette il giorno. In altre parole, respirare l’aria delle grandi città, a poco a poco riduce la nostra aspettativa di vita.

Che cosa succede quando riduciamo l’inquinamento?
Più vita. Otteniamo più aspettativa di vita. Almeno questa è la conclusione che possiamo trarre da un recente studio pubblicato dall’Università di Stoccolma. I ricercatori hanno utilizzato le serie storiche compilate dalle stazioni di misurazione in tre grandi città svedesi (Stoccolma, Malmö e Göteborg) per analizzare come l’inquinamento è stato ridotto e quali conseguenze ha avuto sulla salute dei suoi abitanti. La risposta è stata un anno di vita in più guadagnato grazie alla speranza di vita, grazie a un’aria più pulita.
Le città svedesi nelle loro strade hanno cercato per anni di ridurre l’impronta di sostanze inquinanti dei veicoli privati con servizi di trasporto pubblico adeguato, alcune limitazioni sul movimento delle macchine favorendo un notevole utilizzo della bicicletta. Tutto ciò ha contrastato i livelli di ossido di azoto (determinanti) riducendoli da 40 microgrammi per metro cubo nel 1990 a 20 microgrammi nel 2015.

L’origine della riduzione dell’inquinamento è ascritta al traffico
L’effetto sulla salute umana delle particelle e del protossido di azoto è ben noto, alcuni studi indicano che per ogni 10 microgrammi di particelle che respiriamo, le nostre probabilità di contrarre malattie respiratorie o cardiovascolari aumentano del 3%. Poiché respiriamo circa 20.000 volte in un solo giorno, l’esposizione è elevata.
Le tre città svedesi tra il 1990 e il 2015 hanno aumentato la loro aspettativa di vita di quattro, cinque anni: gli scienziati attribuiscono questo dato alla loro aria più pulita. Il calcolo si basa su altri modelli precedenti che hanno già studiato il rapporto tra inquinamento e salute, controlla sia la dimensione della popolazione sia la sua struttura demografica.
Le città fino ad ora con un certo allarme avevano osservato come aumentavano i livelli d’inquinamento; i cittadini avevano percepito le negative conseguenze. L’esempio di Stoccolma ci proietta nelle tendenze future: man mano che avanzano le politiche di prevenzione e miglioramento della qualità dell’aria, la nostra salute migliorerà. Lo studio in un certo senso è uno sguardo verso il futuro globale delle grandi città. Molto positivo.
L’inquinamento nel contesto globale, tuttavia è ancora la norma. Episodi come quelli di Nuova Delhi (settimane senza vedere il sole a causa dell’inquinamento) o quelli nelle grandi città cinesi (nuvole tossiche che coprono il cielo ogni mattina) richiedono politiche su larga scala e globali. Tutte le grandi città, ovviamente, stanno già combattendo il fenomeno, ciò può comportare più aspettativa di vita per tutti.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento