Scienziati hanno creato l’oro più sottile al mondo, formato da due strati di atomi sovrapposti

La nuova tipologia di oro creata da un gruppo di scienziati dell’Università di Leeds, è un milione di volte più sottile di un’unghia. Il nuovo materiale essenzialmente è considerato bidimensionale (2D) atomicamente sottile (come il grafene) perché comprende solo due strati di atomi sovrapposti. La struttura appena scoperta dà all’oro il potenziale per essere utilizzato su larga scala in modo più efficiente, con applicazioni nell’industria medica ed elettronica.
La componente d’oro è flessibile, significa che potrebbe essere utilizzata in schermi pieghevoli, inchiostri elettronici e pellicole conduttive trasparenti. I test indicano che il materiale come substrato catalitico è dieci volte, più efficiente rispetto alle nanoparticelle d’oro attualmente utilizzate.
Sunjie Ye del gruppo di fisica molecolare e su scala nanometrica dell’Università di Leeds, autrice principale dello studio pubblicato sulla rivista Advanced Science, ha detto:
«Questo lavoro equivale a una conquista storica, non solo apre la possibilità che l’oro possa essere utilizzato in modo più efficiente nelle tecnologie esistenti, fornisce anche un percorso che permetterebbe agli scienziati dei materiali di sviluppare altri metalli 2D».
La sintesi del nanostrato d’oro avviene in una soluzione acquosa, inizia con acido cloroaurico, una sostanza inorganica che contiene oro. Si riduce alla sua forma metallica in presenza di un “agente di confinamento”, una sostanza chimica che incoraggia l’oro a formarsi come un foglio sottile, di soli due atomi di spessore.
L’oro a causa delle dimensioni su scala nanometrica appare verde nell’acqua, i ricercatori considerata, la sua forma, lo descrivono come un’alga marina nano-oro.
Le immagini ottenute da un microscopio elettronico rivelano il modo in cui gli atomi d’oro si sono formati in un reticolo molto organizzato; altre immagini mostrano una nano-alga marina dorata che è stata colorata artificialmente.
L’invenzione, definita dai ricercatori come un “traguardo di riferimento”, proietta maggiore luce anche sulla creazione di materiali 2D. Il metodo utilizzato dal team per creare l’oro potrebbe innovare la “produzione di nanomateriali“, i ricercatori si stanno ora concentrando sui modi per scalare il processo.
Il grafene, ad esempio, quando è stato creato nel 2004 era il tanto lodato manifesto figlio dei materiali 2D, ma ha affrontato una serie di ostacoli nell’uso su larga scala. I ricercatori dicono che con l’oro 2D, tuttavia, il suo potenziale è molto più chiaro.
Stephen Evans, professore che ha supervisionato la ricerca, in conclusione ha detto:
«Penso che con l’oro 2D abbiamo alcune idee molto precise su dove potrebbe essere utilizzato, in particolare nelle reazioni catalitiche e nelle reazioni enzimatiche. Sappiamo che sarà più efficace delle tecnologie esistenti, quindi abbiamo qualcosa che le persone saranno interessate a sviluppare con noi».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →