Rilevare gli effetti dannosi della demenza prima che sia troppo tardi

Gli scienziati potrebbero aver trovato un metodo di rilevamento precoce per alcune forme di demenza, secondo una nuova ricerca dell’Università dell’Arizona e del Baycrest Health Sciences Center dell’Università di Toronto.
Lo studio pubblicato sulla rivista Neuropsychologia il mese scorso, documenta che i pazienti con una rara malattia neurodegenerativa del cervello chiamata afasia primaria progressiva, o PPA, mostrano anomalie nella funzione cerebrale in aree che appaiono strutturalmente normali su una risonanza magnetica.
Aneta Kielar, autrice principale e docente assistente dello studio nel Dipartimento di Discorsi, Lingue e Udire dell’UA, ha detto:
«Lo studio è stato fatto per vedere in che modo la degenerazione influenza la funzione del cervello, con il mio team abbiamo scoperto che il cervello mostra difetti funzionali in regioni dove alla risonanza magnetica ancora non sono evidenti i danni strutturali».
La risonanza magnetica strutturale fornisce la visualizzazione 3D della struttura cerebrale, utile quando si studiano pazienti con malattie che provocano letteralmente la fuoriuscita delle cellule cerebrali, come la PPA.
Jed Meltzer, autore senior dello studio, assistente professore di psicologia all’Università di Toronto, ha detto:
«La magnetoencefalografia, o MEG, d’altra parte ti dà davvero una buona precisione spaziale su dove ha origine la risposta cerebrale. Il nostro studio e per sapere se la diminuita funzione cerebrale proviene da aree già atrofizzate o aree in uno stadio precedente di declino».
Aneta Kielar e i suoi colleghi hanno confrontato le scansioni cerebrali di pazienti con PPA a controlli sani mentre entrambi i gruppi hanno svolto compiti linguistici. I ricercatori hanno valutato il cervello dei partecipanti anche quando erano a riposo. I difetti funzionali erano correlati a prestazioni peggiori nei compiti, perché gli individui con PPA perdono la capacità di parlare o capire il linguaggio mentre altri aspetti della cognizione sono tipicamente preservati (vedi immagine: evidenzia aree in un cervello affetto da PPA durante un’attività linguistica in cui i ricercatori osservano l’anormalità funzionale verde e la degenerazione strutturale giallo. Le aree verdi possono essere a rischio o disfunzionali, anche se i neuroni non sono ancora morti).
L’identificazione della differenza tra l’integrità strutturale e funzionale di un cervello di PPA potrebbe essere utilizzata come metodo di rilevamento precoce. Aneta Kielar ha aggiunto:
«Ciò è promettente perché più farmaci progettati per trattare la demenza si stanno dimostrando non molto efficaci, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che rileviamo troppo tardi il danno cerebrale. Spesso le persone non vengono in cerca di aiuto fino a quando i loro neuroni non sono già morti. Possiamo fare terapie di compensazione per ritardare il progresso della malattia, ma una volta che le cellule cerebrali sono morte, non possiamo farle tornare, questa tecnica potrebbe consentire ai pazienti di superare il danno».
Il team di Aneta Kielar ha specificato che si tratta di un piccolo studio, in parte dovuto al fatto che il PPA è una forma rara di demenza e che sono necessarie ulteriori indagini. Poi, spera di scoprire perché questo squilibrio strutturale e funzionale sta avvenendo nei cervelli PPA.
Aneta Kielar in conclusione, ha detto:
«E’ interessante che le aree colpite siano così lontane dalla neurodegenerazione, una ragione per cui questo potrebbe accadere è che quelle aree potrebbero essere collegate a tratti di sostanza bianca che facilita la comunicazione tra le diverse regioni del cervello: quando un’area è morta, l’area a essa collegata non riceve input normali, non sa cosa fare, quindi inizia a perdere la sua funzione e atrofizza perché non riceve stimoli».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →