Esame oculistico può predire la malattia di Alzheimer

I ricercatori hanno detto che i progressi nella tecnologia dell’esame oculistico potrebbe un giorno aiutare i medici a diagnosticare le persone affette da malattia di Alzheimer molto prima della comparsa dei sintomi.
I ricercatori secondo uno studio pubblicato sullo Journal of the American Medical Association (JAMA) Opthalmology, usando apparecchiature simili a quelle già disponibili presso la maggior parte degli ambulatori oculistici, hanno rilevato segni di Alzheimer, in un piccolo campione di 30 persone.
I partecipanti allo studio, nati a metà degli anni ’70, senza sintomi esteriori di Alzheimer sono stati sottoposti a scansioni PET o campionamento del liquido spinale.
La metà è stata diagnosticata con livelli elevati di proteine amiloide o tau collegate al morbo di Alzheimer, suggerendo che in seguito avrebbero sviluppato la demenza.
I ricercatori in questo gruppo hanno trovato anche un assottigliamento nella retina, un fenomeno che gli esperti avevano già visto nelle autopsie di persone morte per il morbo di Alzheimer.
Rajendra Apte, co-principale ricercatore, professore di oftalmologia e scienze visive presso l’Università di Washington a Saint Louis, ha detto:
«Nei pazienti con elevati livelli di amiloide o tau, nel centro della retina abbiamo notato un rilevante assottigliamento. Tutti noi al centro della retina abbiamo una piccola area priva di vasi sanguigni, è responsabile della nostra vista più dettagliata. Abbiamo scoperto che questa zona priva di vasi sanguigni è significativamente ampliata nelle persone con malattia di Alzheimer preclinica».
Lo studio, tuttavia, non ha rivelato se i partecipanti con diradamento della retina hanno continuato a sviluppare il morbo di Alzheimer o meno, per questo motivo, Doug Brown, responsabile delle politiche e della ricerca di Alzheimer’s Society, ha definito lo studio “affascinante”, ma ha espresso una nota di cautela, ha detto:
«Senza confermare che nessuna delle persone con Alzheimer preclinico effettivamente ha continuato a sviluppare la malattia, per trarre conclusioni definitive avremmo bisogno di vedere lo studio condotto su un gruppo molto più ampio e per un periodo più lungo».
Sara Imarisio, responsabile della ricerca presso Alzheimer’s Research nel Regno Unito, ha concordato con la nota di Doug Brown, ha detto:
«Mentre gli esami oculistici utilizzati in questa ricerca sono relativamente veloci, economici e non invasivi, dato che solo 30 persone hanno partecipato allo studio, abbiamo ancora bisogno di vedere più ricerca prima di poter dire quanto questo metodo potrebbe essere utile per evidenziare i primi segni del morbo di Alzheimer».
Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza, e non c’è cura. La diagnosi precoce, tuttavia, può rendere possibili interventi farmacologici o sullo stile di vita in grado di contrastare la malattia.
I medici per aiutare a diagnosticare l’Alzheimer, utilizzano tecniche costose come le scansioni PET e invasive come le punture lombari. Il tipo di tecnologia utilizzata nello studio JAMA è denominata angiografia tomografica a coerenza ottica (OCT-A). E’ comunemente usata per illuminare l’occhio in modo che un medico può misurare lo spessore della retina e del nervo ottico. I ricercatori dicono che la retina e il sistema nervoso centrale sono interconnessi, per cui i cambiamenti nel cervello possono essere riflessi nelle cellule della retina.
Bliss E. O’Bryhim, medico del Dipartimento di Oftalmologia e Scienze Visive presso l’Università di Washington, ha detto:
«Questa tecnica prima della comparsa dei sintomi clinici ha un grande potenziale per diventare uno strumento di screening che aiuta a scegliere chi deve sottoporsi a test più costosi e invasivi per la malattia di Alzheimer».
Gli autori dello studio concordano sul fatto che è necessario più lavoro per confermare la validità della tecnica in popolazioni più ampie. Si augurano che un giorno potrebbe aiutare nella diagnosi Alzheimer, identificata nelle persone tra i 40 e i 50 anni.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →