I ventilatori elettrici dannosi per gli anziani quando le temperature superano i 42° C

Le ondate di calore stanno diventando sempre più insopportabili, negli ultimi dieci mesi hanno infranto i precedenti record delle temperature. Molti ricorrono ai ventilatori elettrici per rinfrescarsi, il nuovo studio avverte che il loro utilizzo quando le temperature superano i 42° C è meno indicato per le persone che hanno più di 60 anni.

Ventilatori elettrici che soffiano solo aria calda
Il ventilatore elettrico non è aria condizionata, nella maggior parte dei casi, se si utilizza durante una calda giornata d’estate, la sua aria in realtà è più calda della temperatura del nostro corpo. Il calore contenuto nell’aria è poi assorbito dalla nostra pelle, in un certo senso è simile a come una ventola del forno soffia aria calda all’interno per aumentare la convezione e cuocere il cibo più velocemente.
Il ventilatore effettivamente dovrebbe rendere il nostro corpo più caldo, questo non è il caso perché il corpo umano non è un sistema chiuso. Generiamo sempre calore è imperativo farlo dissipare altrimenti surriscaldiamo. Ecco perché le persone possono morire per febbre alta.
Il sistema di regolazione del calore corporeo si basa sulla pelle, sulle ghiandole sudoripare e sui vasi sanguigni. La maggior parte dell’acqua del corpo è immagazzinata all’interno del derma, è lo strato centrale della pelle: se si surriscalda, le ghiandole sudoripare si attivano portando il sale e l’acqua del corpo sulla superficie della pelle, una soluzione acquosa che conosciamo come sudore. L’acqua una volta in superficie evapora e raffredda il corpo mantenendolo in un intervallo di temperatura accettabile. Ecco perché dopo una nuotata ci sentiamo rinfrescati e anche un po’ tremanti di freddo nonostante la spiaggia sia rovente.
Il ventilatore ti raffredda nonostante l’aria che ti soffia sia più calda della temperatura del corpo, ciò accade essenzialmente perché stimola l’evaporazione del sudore. Naturalmente, se è eccessivamente caldo, la sudorazione non può compensare l’aria calda soffiata in faccia, nel qual caso un ventilatore peggiora la situazione.
E’ emerso in un precedente studio nel 2015 che i giovani anche a una temperatura di 42ºC e con un’umidità fino al 50% possono rinfrescarsi con un ventilatore. L’Università del Texas Southwestern Medical Center a Dallas ha ripetuto questo esperimento con nove persone di età compresa tra 60 e 80 anni. Ogni partecipante come parte della sperimentazione era seduta in una stanza con una temperatura di 42ºC, l’accensione e lo spegnimento di una ventola elettrica da 40 cm, mentre l’umidità dal 30% era incrementata ogni cinque minuti fino a raggiungere il 70%.
E’ emerso che durante le sessioni con il ventilatore elettrico acceso, le frequenze cardiache dei partecipanti salivano fino a nove battiti il minuto con temperature corporee interne superiori di tre, quattro decimi di grado. In generale, ciò non è qualcosa di terribile, è solo che in queste condizioni l’utilizzo del ventilatore è praticamente inutile se si ha più di 60 anni. In ogni caso, se la persona anziana ha problemi cardiaci, l’uso di un ventilatore elettrico durante una giornata molto calda potrebbe essere una cattiva idea.
Craig Crandall autore dello studio, professore di medicina interna presso l’Università del Texas Southwestern Medical Center di Dallas, ha detto:
«L’ultima cosa che vogliamo è che la gente smetta di usare i ventilatori, a temperature più moderate non c’è dubbio che possono essere utili. Stiamo solo dicendo che in certe condizioni, come un’ondata estrema di calore i ventilatori elettrici possono essere dannosi.
La nostra preoccupazione è per le persone sedute davanti al ventilatore per otto ore il giorno, non sappiamo i dati della loro termperatura e frequenza dei loro battiti cardiaci, un aumento della temperatura di un grado o un grado e mezzo, potrebbe causare effetti dannosi».

Perché un ventilatore elettrico è efficace per i giovani, meno per le persone anziane?
E’ bene sapere che quando invecchiamo il corpo diventa sempre meno efficiente nel regolare il calore, ad esempio, i vasi sanguigni che sono essenziali per il trasporto di calore, diventano meno reattivi alla vecchiaia, le persone anziane tendono a sudare meno: in questa situazione, invece di usare un ventilatore, i ricercatori raccomandano l’aria condizionata. In alternativa per raffreddare il corpo consigliano l’applicazione di un asciugamano bagnato e l’idratazione con bevande fresche.

Trattamento con asciugamano bagnato
Prendi uno o due asciugamani per le mani, piegali nel senso della lunghezza. Immergili nell’acqua molto fredda o ghiacciata. Strizzali per eliminare il liquido in eccesso, quindi avvolgili intorno alla testa, al collo, alle caviglie o ai polsi. Limitati a trattare una o due aree del corpo, non di più, per esempio testa e caviglie o collo e polsi, altrimenti potresti raffreddarti in modo eccessivo.
Gli asciugamani freddi o gelati estrarranno calore dal corpo riducendone di conseguenza la temperatura. Una volta asciutti o non sufficientemente freddi per donare sollievo, potrai nuovamente bagnarli.  Il trattamento può essere ripetuto con la frequenza necessaria.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →