Piscine più sicure con il nuovo microchip che monitora costantemente i livelli di pH e cloro

Il dispositivo è opera di un team dell’Università del Sud Australia (UniSA), afferma che la loro nuova tecnologia “Lab-on-a-chip” (dispositivo che integra funzioni multiple che si possono svolgere in laboratorio in un singolo chip), rende il monitoraggio delle piscine più conveniente, più affidabile ed è facile da installare anche su piscine esistenti.
Craig Priest ricercatore UniSA esperto di micro/nanofabbricazione, ha affermato che il chip microfluidico potrebbe essere particolarmente utile in questo momento in quanto il coronavirus Covid-19 rende le persone più consapevoli dell’importanza dell’igiene della piscina, ha detto:
«La chimica della piscina mantiene i nuotatori al sicuro da virus e batteri, eppure farlo bene richiede un grande sforzo. La gestione della piscina privata sarebbe molto più semplice con un sensore di qualità dell’acqua continuo e automatizzato in grado di misurare in modo affidabile livelli accurati di cloro e pH per tutta l’estate. Il sensore che abbiamo sviluppato è essenzialmente un “lab-on-a-chip”, una rete di tubi microscopici che attraversa un chip delle dimensioni di una carta di credito. Il chip esegue rapidamente e continuamente tutto il lavoro di un laboratorio di chimica usando minuscole quantità di sostanze chimiche, senza lasciare il bordo piscina, solleva i proprietari dall’arduo compito di testare manualmente le piscine e evita l’uso eccessivo di prodotti chimici per piscine, ciò consente di risparmiare tempo, denaro e, soprattutto, il rischio di infezione da errata chimica della piscina».
La ricerca ha evidenziato che in Australia, 2,7 milioni di persone (13% della popolazione) vivono in una casa con piscina. I sistemi di monitoraggio delle piscine esistenti come i sensori wireless per piscina con hardware costoso o kit di test manuali ad alta intensità di lavoro acquistati nei negozi di ferramenta, sono utilizzati per monitorare la sicurezza delle sostanze chimiche nelle piscine.
Craig Priest spiega:
«Molti dei campioni di piscine domestiche hanno mostrato difetti nei test manuali delle piscine. La piscina di una famiglia è stata seriamente sovradosata di cloro, ma non ne avevano idea. I proprietari dopo aver appena acquistato la loro casa, a un negozio specializzato hanno richiesto un rapido controllo dell’acqua della piscina, gli è stato detto che c’era abbastanza cloro nell’acqua ma non si rendevano conto che in realtà ce n’era troppo. I livelli di cloro alcune settimane dopo sono scesi a zero, il che non solo ha evidenziato un problema con il cloratore, ma ha anche mostrato quanto velocemente la chimica della piscina può diventare pericolosa».
I ricercatori hanno testato campioni di 12 piscine (nove domestiche, due pubbliche e una esterna) con misure prese in più occasioni. Ogni campione presentava la propria situazione ambientale come uso pubblico frequente, elevata materia fogliare, diversi metodi di clorazione, garantendo sfide realistiche ai sensori.
Il sovradosaggio di cloro può causare effetti negativi sulla salute della pelle, degli occhi e del sistema immunitario, mentre il sottodosaggio crea rischi di infezione per i nuotatori. Stephen Thornton, di Tekelek Australia, partner di ricerca, ha detto:
«In questo momento, la necessità di rimanere in buona salute è fondamentale per tutti noi, e mentre generalmente ci sentiamo al sicuro nel nostro ambiente, dobbiamo ricordare che tutte le piscine devono essere monitorate in modo accurato ed efficiente per garantire la sicurezza dell’acqua».
Il team di ricerca è attualmente nelle fasi finali dello sviluppo del microchip con l’industria, spera di averlo presto sul mercato.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →