Le sigarette elettroniche non sono sicure quando si parla di salute polmonare

Le ricerche riportate in questo studio sono state condotte dal Centro di New York occidentale per la ricerca sui prodotti aromatizzati del tabacco, un programma condotto dagli scienziati del Roswell Park Comprehensive Cancer Center di Buffalo, New York e URMC. Lo studio è stato sostenuto dal National Cancer Institute del National Institutes of Health (NIH) e dal Food and Drug Administration (FDA) Centre for Tobacco Products con il numero di aggiudicazione U54CA228110.

Il nuovo studio pubblicato sulla rivista Tobacco Control riporta che l’uso di sigarette elettroniche (“vaping”) è associato al respiro sibilante negli adulti.
Le persone che sono state sottoposte a vaping hanno il doppio delle probabilità di sperimentare sibili rispetto a quelle che non usano regolarmente prodotti a base di tabacco. Il respiro sibilante, causato da vie aeree ristrette o anormali, è spesso un precursore di altre gravi condizioni di salute come l’enfisema, la malattia da reflusso gastro-esofageo, l’insufficienza cardiaca, il cancro ai polmoni e l’apnea notturna.
Deborah J. Ossip, Dipartimento di Scienze della salute pubblica presso l’Università di Rochester Medical Center (URMC), dirige il programma di ricerca sul fumo, ha detto:
«I risultati del nostro studio sono coerenti con la ricerca passata, evidenziano che le emissioni di aerosol di sigaretta elettronica e gli aromi danneggiano le cellule polmonari generando radicali liberi nocivi e infiammazione nel tessuto polmonare.
L’avviso è che le sigarette elettroniche non sono sicure quando si parla di salute polmonare. I cambiamenti che stiamo osservando con lo svapo, sia negli esperimenti di laboratorio che negli studi sulle persone che svapano, sono coerenti con i primi segni di danno polmonare, il che è molto preoccupante».
Le sigarette elettroniche sono estremamente popolari negli Stati Uniti. I dati del National Center for Health Statistics indicano che quasi il 13% degli adulti statunitensi ha provato sigarette elettroniche e quasi il 4% le usa attualmente. Sebbene le sigarette elettroniche siano commercializzate come un’alternativa meno dannosa al fumo di sigaretta, molte preoccupazioni rimangono legate alle conseguenze dello svapo.
I ricercatori dell’URMC hanno analizzato i dati di oltre 28.000 adulti negli Stati Uniti che hanno preso parte allo studio Tabacco e salute (PATH) sulla valutazione della popolazione.
Rispetto ai non utilizzatori, è emerso che le persone che utilizzano lo svapo (i partecipanti sono stati valutati per età, sesso, razza / etnia, indice di massa corporea, esposizione al fumo passivo e altri fattori) avevano 1,7 volte più probabilità di sperimentare dispnea e sintomi respiratori correlati (come difficoltà respiratorie).
L’autore dello studio principale Dongmei Li, professore associato presso il Dipartimento di Ricerca Clinica e Traslazionale dell’URMC, riconosce che ci sono limitazioni allo studio. I dati dello studio PATH sono auto-riportati, quindi è possibile che le informazioni raccolte dai partecipanti siano soggette a bias di richiamo.
L’analisi non può dimostrare che lo svapo provoca sibili; identifica solo un’associazione tra i due. Infine, i dati PATH non includono informazioni su alcuni importanti fattori che potrebbero influenzare i risultati, come la dieta dei partecipanti e i livelli di attività fisica.
Irfan Rahman, professore di Medicina ambientale presso l’URMC, nonostante queste limitazioni, afferma che la ricerca identifica chiaramente un’altra ripercussione sulla salute derivante dallo svapo. E’ particolarmente preoccupante per i nuovi dati rilasciati dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, mostra un drammatico aumento dello svapo giovanile, attirati dall’emergere di piccoli, eleganti dispositivi vaping come il modello Juul, sono utilizzati con baccelli di nicotina in centinaia di diversi sapori (sostanze chimiche aromatiche popolari includono frutta, caramelle e dessert).
Irfan Rahman teme che il numero di giovani che svapano continuerà a crescere, insieme alle allergie, perdita di immunità e successive infezioni.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →