Emicrania causata da alti livelli di sodio nel liquido cerebrospinale

Il primo studio con la tecnica chiamata “Risonanza magnetica del sodio” ha evidenziato che le persone che soffrono di emicrania, rispetto alle persone senza la condizione, hanno concentrazioni di sodio significativamente più elevate nel loro liquido cerebrospinale. I risultati sono stati presentati alla riunione annuale della Società radiologica del Nord America (RSNA).
L’emicrania, un tipo di cefalea caratterizzata da forti dolori alla testa e talvolta nausea e vomito, colpisce circa il 18% delle donne e il 6% degli uomini (alcune emicranie sono accompagnate da alterazioni visive o strane sensazioni nel corpo noto come aura). La diagnosi è impegnativa, poiché le caratteristiche delle emicranie e dei tipi di attacco variano ampiamente tra i soggetti, di conseguenza, molti pazienti con emicrania non sono diagnosticati e non trattati; altri pazienti, al contrario, sono curati con farmaci per l’emicrania, anche se soffrono di un diverso tipo di mal di testa, come la cefalea tensiva, la forma più diffusa di mal di testa e, relativamente, la meno dolorosa. Il disturbo dipende principalmente dalla contrazione involontaria e continua dei muscoli del collo e delle spalle, associata a condizioni di affaticamento e tensione.

Studio innovativo dell’emicrania con la risonanza magnetica del sodio
La dottoressa Melissa Meyer responsabile dello studio presso l’Istituto di Radiologia Clinica e Medicina Nucleare, Ospedale Universitario di Mannheim e Università Heidelberg in Germania, ha detto: «Sarebbe utile avere uno strumento diagnostico di supporto o addirittura diagnosticare l’emicrania e differenziarla da tutti gli altri tipi di mal di testa».
Melissa Meyer e colleghi per aiutare nella diagnosi e comprensione dell’emicrania hanno utilizzato una tecnica di imaging a risonanza magnetica chiamata MRI del sodio cerebrale: mentre la MRI (imaging a risonanza magnetica) per generare un’immagine si basa molto spesso sui protoni, il sodio può anche essere visualizzato. La ricerca ha dimostrato che nella chimica del cervello il sodio svolge un ruolo importante.
I ricercatori per lo studio hanno reclutato un gruppo di 12 donne, di età media 34 anni, clinicamente valutate per l’emicrania e un gruppo di controllo con altre 12 donne di età simile. I due gruppi hanno compilato un questionario riguardante la lunghezza, l’intensità e la frequenza dei loro attacchi di emicrania accompagnate dalle aure. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a risonanza magnetica del sodio cerebrale. Le concentrazioni di sodio nel gruppo di pazienti con emicrania e nel gruppo di controllo sono state confrontate e statisticamente analizzate.
I ricercatori tra i due gruppi non hanno trovato differenze statistiche per le concentrazioni di sodio nella materia grigia e bianca, nel tronco cerebrale e nel cervelletto. Tuttavia, sono emerse differenze significative quando i ricercatori hanno esaminato le concentrazioni di sodio nel liquido cerebrospinale (il fluido che circonda il cervello e il midollo spinale, agisce da cuscinetto per il cervello, allo stesso tempo assicura stabilità chimica per una corretta funzionalità cerebrale), complessivamente nei pazienti con emicrania erano più elevate nel liquido cerebrospinale cerebrale, rispetto al gruppo di controllo sano.
Melissa Meyer in conclusione sullo studio ha detto:
«I risultati ottenuti potrebbero facilitare la difficile diagnosi di un’emicrania, in futuro la speranza è di avere più informazioni sulla connessione tra emicrania e concentrazioni di sodio. Poiché il nostro è uno studio esplorativo, per ulteriori convalide abbiamo in programma di esaminare più pazienti, preferibilmente durante o subito dopo un attacco di emicrania».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento