Cerotto adesivo permette la misurazione dei livelli di glucosio attraverso la pelle senza puntura del dito

Gli scienziati hanno creato un cerotto adesivo non invasivo, permette la misurazione dei livelli di glucosio attraverso la pelle senza un esame ematico del dito, eliminando per milioni di diabetici la necessità di eseguire frequentemente i test dolorosi e impopolari.
Il cerotto non perfora la pelle, estrae il glucosio dal fluido tra le cellule attraverso i follicoli piliferi, alla quale accede individualmente tramite una serie di sensori miniaturizzati che utilizzano una piccola corrente elettrica. Il glucosio si raccoglie in minuscoli contenitori per essere misurato. Le letture possono essere prese ogni 10-15 minuti per diverse ore.
Fondamentalmente il cerotto adesivo non invasivo, grazie al design della serie di sensori e contenitori, non richiede la calibrazione con un campione di sangue, ciò significa che non sono necessari gli esami del sangue con puntura del dito.
Il team di ricerca dell’Università di Bath dopo aver stabilito la prova del concetto alla base del dispositivo in uno studio pubblicato su Nature Nanotechnology, spera che possa diventare un indossabile sensore a basso costo per inviare regolari misurazioni di glucosio clinicamente rilevanti al cellulare o allo smartwatch dell’utente, avvisandolo quando potrebbe essere necessario agire.
Il vantaggio importante di questo dispositivo rispetto ad altri è che ogni sensore miniaturizzato della matrice può operare su una piccola area sopra un singolo follicolo pilifero, nell’estrazione del glucosio riduce significativamente la variabilità tra l’interno della pelle, aumenta l’accuratezza delle misurazioni, rendendo non necessaria la calibrazione tramite un campione di sangue.
Il progetto è una collaborazione multidisciplinare tra scienziati dei dipartimenti di fisica, farmacia, farmacologia e chimica dell’Università di Bath.
Il professor Richard Guy, del Dipartimento di Farmacia e Farmacologia, ha dichiarato:
«Un metodo non invasivo – cioè senza ago – per monitorare la glicemia si è rivelato un obiettivo difficile da raggiungere. Il metodo più vicino che sia stato raggiunto ha richiesto almeno una calibrazione a punto singolo con un classico “finger-stick” (l’atto di pungere la punta del dito per ottenere un piccolo campione di sangue dai capillari), o l’impianto di un sensore precalibrato attraverso un singolo inserimento dell’ago. Il sistema di monitoraggio sviluppato a Bath promette un approccio veramente privo di calibrazione, un contributo essenziale nella lotta contro la crescente incidenza globale del diabete».
La dottoressa Adelina Ilie, del Dipartimento di Fisica, ha dichiarato:
«La particolare struttura del nostro sistema consente un utilizzo senza taratura ed ha l’ulteriore vantaggio di consentire la produzione con una varietà di materiali in combinazione. Abbiamo utilizzato il grafene come uno dei componenti perché porta importanti vantaggi: in particolare, è forte, conduttivo, flessibile, e potenzialmente a basso costo e rispettoso dell’ambiente. Inoltre, il nostro design può essere implementato utilizzando tecniche di produzione ad alta produttività come la serigrafia, che ci auguriamo possa supportare un dispositivo monouso e ampiamente accessibile».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento