Pinterest non mostrerà più termini di ricerca relativi alla vaccinazione

Risultati di Pinterest bloccati
Il social network Pinterest sta facendo un enorme passo avanti per fermare la diffusione della disinformazione. Recentemente ha annunciato che non mostrerà più i risultati della ricerca per i termini concernenti la vaccinazione, indipendentemente dal fatto che i risultati siano a favore o contro di loro. L’iniziativa in realtà è risale alla fine del 2018 dopo aver notato che molte delle immagini condivise sulla sua piattaforma mettevano in guardia contro le vaccinazioni.
Tali informazioni possono essere dannose per la salute pubblica, in varie località ci sono stati diversi focolai di malattie in precedenza debellate come il morbillo. Evidentemente, molti di questi focolai possono essere collegati online a preoccupazioni infondate sulla sicurezza dei vaccini, nonostante le linee guida mediche dimostrassero che gran parte dei vaccini sono sicuri per quasi tutte le persone.
Pinterest su segnalazione di CNBC dopo aver notato che nei risultati di ricerca sui vaccini c’erano ancora legami con la disinformazione sui vaccini con termini come “danno vaccino” e “pericolo vaccino” ha deciso di includerli nella lista bloccata.
Ha osservato che sarebbe difficile rimuovere completamente le false informazioni sui vaccini, per questa ragione il divieto rimarrà in vigore fino a quando non si troverà una soluzione permanente.
Il portavoce di Pinterest alla CNBC ha detto:
«Vogliamo che Pinterest sia un luogo d’ispirazione per le persone, non c’è nulla di stimolante nella disinformazione. Ecco perché continuiamo a lavorare su nuovi sistemi per tenere i contenuti fuorvianti fuori dalla nostra piattaforma e dal nostro software di filtraggio dei contenuti che crea delle raccomandazioni personalizzate specifiche per l’utente così da aiutarlo nelle sue scelte».

Politica di disinformazione sulla salute
Pinterest anche prima di questa iniziativa contro la disinformazione sulle vaccinazioni, ha preso simili provvedimenti su altri problemi di salute, ad esempio, dal 2017 ha bloccato i contenuti relativi alle false cure oncologiche dopo che molti utenti sono stati indirizzati verso siti che scoraggiano le cure mediche e per curare il cancro promuovono alternative come gli oli essenziali.
La mossa di Pinterest potrebbe spingere altri social network a fare di più per fermare la diffusione della disinformazione che è dannosa per la salute pubblica, ad esempio, Facebook recentemente ha dichiarato a Bloomberg che sta valutando di apportare modifiche relative alle informazioni sulla salute, compresi i contenuti anti-vaccinazione, dopo aver ricevuto critiche dai politici come il deputato della California Adam Schiff.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →