Facebook silenziosamente ha rimosso dalla sua piattaforma il motore di ricerca Bing di Microsoft

Facebook ha tolto dalla sua piattaforma il motore di ricerca Bing – come riporta Reuters – dal 15 novembre 2014 introdurrà il proprio strumento di ricerca che permetterà agli utenti di trovare informazioni riguardanti post e commenti degli amici. La decisione riflette la sempre maggiore importanza che Facebook ripone nella tecnologia di ricerca Web, un mercato dominato dal rivale Google.
Le ricerche su Facebook sono state orientate per aiutare gli utenti a connettersi con gli amici e per trovare altre informazioni all’interno delle mura di 1,35 miliardi di utenti di servizi di social networking. I risultati di ricerca di Facebook includono anche i link a siti web che sono stati forniti da Bing, un portavoce ha detto:
«Ora non stiamo mostrando i risultati della ricerca web in Facebook perché siamo concentrati su come aiutare le persone a trovare quello che è stato condiviso con loro su Facebook, ciò non toglie che in diverse aree continuiamo ad avere una grande partnership con Microsoft».
Microsoft al momento non è stato disponibile per un commento.
Mark Zuckerberg, CEO di Facebook ha contrassegnato la ricerca come una delle iniziative di crescita chiave della società, rilevando che ogni giorno nel mese di luglio ci sono stati più di un miliardo di query di ricerca, lasciando intendere che la grande quantità d’informazioni che gli utenti condividono all’interno di Facebook potrebbe eventualmente sostituire la necessità di cercare sul web le risposte alle loro domande.
Il sito comScore (è una società di analisi Internet americana che fornisce dati di marketing e analisi delle più grandi imprese, agenzie e editori al mondo) riporta che Bing di Microsoft è il secondo provider di ricerca web negli Stati Uniti, con una quota di quasi il 20 per cento del mercato.
Facebook e Microsoft hanno un rapporto commerciale di lunga data consolidato dall’ottobre 2007 con 240.000 mila dollari d’investimenti di Microsoft in Facebook, per una quota dell’1,6 per cento nella società. Microsoft come parte di quest’accordo sui mercati internazionali sul sito di Facebook ha fornito banner pubblicitari. Facebook per gestire maggiormente il controllo del proprio business pubblicitario dal 2010 ha smesso di usare i banner Microsoft, allo stesso tempo, per le versioni internazionali del suo servizio, ha ampliato l’utilizzo dei risultati di ricerca di Microsoft Bing.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento