Nuova ricerca, i bot su Twitter indirizzano il dibattito sugli effetti delle sigarette elettroniche sulla salute

Le discussioni sui social media in merito alle sigarette elettroniche e ai loro effetti sulla salute umana possono essere in gran parte guidate dai bot. E’ quanto emerge da uno studio condotto da ricercatori della San Diego State University (SDSU), hanno dragato le profondità di Twitter per studiare l’uso e le percezioni delle sigarette elettroniche negli Stati Uniti. Il team prevedeva di ottenere una migliore comprensione dalle persone che parlano dell’utilizzo delle sigarette elettroniche, invece ha scoperto che la maggior parte di tali utenti non sono  persone.

Prova schiacciante
Lo studio è iniziato con un campione casuale di quasi 194.000 tweet geocodificati provenienti da tutti gli Stati Uniti pubblicati tra ottobre 2015 e febbraio 2016. Il team ha estrapolato 973 tweet casuali, li ha catalogati per analisi del sentimento (è il processo per determinare se un brano di scrittura è positivo, negativo o neutro) e per fonte, ad esempio provenienti da un individuo o da un’organizzazione. Tra i 973 tweet sono stati identificati 887 tweet come pubblicati da persone, una categoria che include i potenziali bot.
E’ emerso che più del 66% dei tweet individuali ha usato un tono di supporto quando si parlava dell’uso delle sigarette elettroniche. Circa il 59% degli individui ha anche condiviso tweet su come usava personalmente le sigarette elettroniche.
Il team è stato in grado di identificare anche gli utenti adolescenti di Twitter, oltre il 55% dei loro tweet riguardanti le sigarette elettroniche ha utilizzato un tono positivo. Nei tweet che hanno fatto riferimento alla nocività delle sigarette elettroniche, il 54% ha affermato che non sono nocive, o che sono significativamente meno nocive delle sigarette tradizionali.
Lo studio solleva tuttavia una questione importante: in che misura questi dibattiti sono nostri e in che misura sono promossi come “mezzi comunicativi” e “ampiamente accettati” per stimolare il discorso pubblico e vendere più prodotti?
I ricercatori hanno riferito che oltre il 70% dei tweet esaminati sembrano scritti da bot, quindi su twitter in questo caso, ci sono più chipset che cervelli umani che partecipano alla conversazione. Tali bot si pongono come persone reali nel tentativo di promuovere i prodotti e influenzare l’opinione pubblica sul tema che riguarda gli effetti sulla salute.
Lourdes Martinez, co-autore del documento ha detto:
«Non stiamo parlando di account fatti per rappresentare organizzazioni e attività, lo scopo è di sembrare persone normali. Ciò solleva la questione: in che misura il discorso sulla salute pubblica online è condotto da account robotizzati?».
La scoperta è avvenuta per caso, il team aveva deciso di utilizzare i dati di Twitter per studiare che cosa dicono le persone reali sul tema delle sigarette elettroniche, durante la loro ricerca in realtà si sono resi conto di avere a che fare con molti account di bot.

Ehilà bot
Il team di ricercatori dopo aver osservato le anomalie nel set di dati, in particolare relativi a messaggi confusi e illogici su sigarette elettroniche, ha esaminato i tipi di utenti e ha deciso di riclassificarli. In particolare, si sono sforzati di identificare gli account che sembravano essere gestiti da robot.
Ming-Hsiang Tsou, direttore fondatore del Centro per le dinamiche umane della SDSU nell’era mobile e co-autore dello studio, ha detto:
«I robot sono le maggiori sfide e i maggiori problemi nell’analisi dei social media. Poiché la maggior parte di essi sono “orientati al mercato” o “orientati alla politica”, distorceranno i risultati dell’analisi e forniranno conclusioni errate per la stessa analisi.
I risultati sono arrivati un mese dopo che Twitter ha eliminato milioni di account sospetti e falsi. La piattaforma ha anche annunciato che lancerà nuovi meccanismi volti a identificare e combattere lo spam e altri tipi di abuso.
Apprezzo l’impegno di twitter, alcuni bot possono essere facilmente rimossi in base al loro contenuto e comportamento, mentre altri sembrano esattamente come gli esseri umani, sono più difficili da rilevare.
L’argomento è molto sentito nella ricerca sull’analisi dei social media. La mancanza di consapevolezza e la necessità di esprimere una posizione di salute pubblica sulle sigarette elettroniche rappresentano un’opportunità vitale per continuare gli sforzi di controllo e prevenzione del tabacco attraverso interventi di comunicazione sanitaria rivolti alle sigarette elettroniche».
Lourdes Martinez in conclusione ha detto:
«Le agenzie di salute pubblica e le organizzazioni devono fare uno sforzo per diventare più consapevoli delle discussioni che avvengono sui social media, per avere la possibilità di tenere informato il pubblico di fronte a tutti questi bot.
Non conosciamo la fonte, o se sono pagati da interessi commerciali, questi account robotizzati eludono le normative? Non ho la risposta, ma questo è un tema che i consumatori meritano di conoscere, ci sono alcune regole chiare sui modi in cui è disciplinata la commercializzazione del tabacco».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →