Ringo Starr è alla ricerca di queste persone che ha fotografato nel 1964 (foto)

Ringo Starr è alla ricerca di cinque americani ora sulla sessantina che ha fotografato durante il primo viaggio dei Beatles negli Stati Uniti quasi cinquanta anni fa.
Il gruppo di ragazzi è stato fotografato dal batterista quando con la loro macchina avevano affiancato la band nel loro cabriolet a Miami Beach, in Florida, nel mese di febbraio del 1964.
L’istantanea è tra le 240 immagini in corso di pubblicazione per un Libro di fotografie scattate da Ringo Starr in tutto il mondo durante la sua lunga carriera nella musica. Il cantante, ora settantatreenne, come didascalia della foto, ha scritto: “E’ solo un grande colpo, ci stanno guardando, io li sto fotografando“. Un sesto adolescente è seduto sul sedile posteriore della vettura, è appena visibile nella parte più scura (vedi foto).

foto scattata da Ringo Starr nel 1964
Inizialmente erano stati sollevati dubbi su Miami indicata come la città dove era stata scattata la fotografia perché i ragazzi nella foto indossano cappotti pesanti e indumenti di lana. Tuttavia dopo aver consultato un Vecchio Almanacco, il Miami Herald ha riferito che durante la visita dei Beatles nel febbraio del 1964, un’ondata di freddo aveva colpito la città.
I Beatles durante lo stesso soggiorno a Miami, erano stati fotografati a giocare su una spiaggia e scherzare con Muhammad Ali, il pugile campione dei pesi massimi (vedi foto).

The Beatles con Muhammad Alì a Miami Beach nel 1964
Il quartetto inglese la settimana precedente dopo aver fatto il debutto nella leggendaria apparizione televisiva su The Ed Sullivan Show a New York, aveva registrato un secondo intervento per lo spettacolo dal Miami’s Deauville Hotel.
Il breve tour, che comprendeva anche il debutto statunitense del concerto della band a Washington, DC, ha dimostrato che la “Beatlemania” si era diffusa in tutto il mondo.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento