La CO2 potrebbe essere catturata direttamente dagli scarichi dei camion

I ricercatori della École Polytechnique Fédéralede Lausanne (EPFL) della Svizzera hanno brevettato un nuovo concetto che potrebbe ridurre le emissioni di CO2 dei camion di quasi il 90%. Il dispositivo può essere adattato ai veicoli esistenti, implica la cattura di CO2 all’interno del sistema di scarico, la conversione in un liquido e la sua conservazione sul veicolo. La CO2 liquida sarebbe quindi consegnata a una stazione di servizio, dove sarà trasformata di nuovo in combustibile usando energia rinnovabile.
Il trasporto in Europa è responsabile di quasi il 30% delle emissioni totali di CO2, di cui il 72% deriva dal trasporto su strada. L’uso di veicoli elettrici per il trasporto personale potrebbe aiutare a ridurre quel numero, ma diminuire le emissioni del trasporto commerciale – come camion o autobus – è una sfida molto più grande.
I ricercatori dell’EPFL hanno ora trovato una nuova soluzione: catturare la CO2 direttamente nel sistema di scarico dei camion e liquefarli in un contenitore posto sopra cabina di guida del veicolo. La CO2 liquida è quindi consegnata a una stazione di servizio, dove è trasformata in combustibile convenzionale utilizzando energia rinnovabile.
Il progetto è coordinato dal gruppo Industrial Process and Energy Systems Engineering, guidato da François Maréchal, presso la School of Engineering dell’EPFL. Il concetto brevettato è oggetto di un articolo pubblicato su Frontiers in Energy Research.

Un processo complesso a bordo del veicolo
Gli scienziati propongono di combinare diverse tecnologie sviluppate all’EPFL per catturare la CO2 e convertirla da gas a liquido in un processo che recupera la maggior parte dell’energia disponibile a bordo, come il calore proveniente dal motore.
Gli scienziati nel loro studio hanno usato l’esempio di un camion per le consegne. Innanzitutto, i gas di scarico del veicolo nel tubo di scarico sono raffreddati e l’acqua è separata dai gas. La CO2 è isolata dagli altri gas (azoto e ossigeno) con un sistema di assorbimento dell’oscillazione della temperatura, utilizzando adsorbente di strutture metallo-organiche (MOF), appositamente progettate per assorbire CO2. Tali materiali sono stati sviluppati dal team Energypolis dell’EPFL Valais Wallis, guidato da Wendy Queen.
Il materiale quando diventa saturo di CO2, è riscaldato in modo da poter estrarre CO2 puro da esso. I turbocompressori ad alta velocità sviluppati dal laboratorio di Jürg Schiffmann nel campus Neuchâtel dell’EPFL utilizzano il calore del motore del veicolo per comprimere la CO2 estratta e trasformala in un liquido. Tale liquido è immagazzinato in un serbatoio e può quindi essere riconvertito in combustibile convenzionale presso le stazioni di servizio utilizzando elettricità rinnovabile. François Maréchal ha detto:
«Il camion deposita semplicemente il liquido durante il rifornimento di carburante. L’intero processo si svolge all’interno di una capsula che misura 2 x 0,9 x 1,2 m, posta sopra la cabina di guida. Il peso della capsula e del serbatoio è solo il 7% del carico utile del veicolo. Il processo stesso consuma poca energia, perché tutte le sue fasi sono state ottimizzate».
I calcoli dei ricercatori evidenziano che un camion che utilizza 1 kg di carburante convenzionale potrebbe produrre 3 kg di CO2 liquido e che la conversione non comporta alcuna penalità energetica perché solo il 10% delle emissioni di CO2 non può essere riciclato.
Il sistema potrebbe teoricamente funzionare con tutti i camion, gli autobus e persino le barche e con qualsiasi tipo di carburante. Il vantaggio di questo sistema è che, a differenza di quelli elettrici o basati sull’idrogeno, può essere adattato ai camion esistenti al fine di neutralizzare il loro impatto in termini di emissioni di carbonio.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →