La magnesite creata rapidamente in laboratorio dagli scienziati può rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera

Gli scienziati hanno capito come creare rapidamente la magnesite in laboratorio, un minerale in grado di rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera come possibile soluzione per il riscaldamento globale.

Procedura rapida e a buon mercato per produrre la magnesite
La magnesite, che è in grado di assorbire e immagazzinare anidride carbonica, ha il potenziale di essere una soluzione per combattere il riscaldamento globale. Il minerale può rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera, combinato con misure per ridurre le emissioni di gas serra, può rallentare o addirittura invertire gli effetti dei cambiamenti climatici. Tecnicamente una tonnellata di magnesite naturale può rimuovere dall’atmosfera mezza tonnellata di anidride carbonica, il problema è che il processo di formazione della magnesite nell’ambiente naturale è molto lento.
Ian Power, professore della Trent University in Ontario , responsabile del progetto, ha detto:
“La formazione naturale della magnesite sulla superficie terrestre richiede centinaia o migliaia di anni, insieme al mio team per rendere la magnesite, una soluzione più fattibile per contrastare il riscaldamento globale abbiamo escogitato un sistema per creare il minerale in laboratorio in modo più economico e veloce: in pratica, utilizzando microsfere di polistirolo come catalizzatore, siamo stati in grado di creare la magnesite entro 72 giorni. Le microsfere non subiscono alcuna modifica nel processo, per cui possono essere per produrre più magnesite”.
Ridurre l’anidride carbonica nell’atmosfera è considerato il modo più efficace per prevenire il peggioramento del cambiamento climatico, i ricercatori cercheranno di trovare un sistema per creare la magnesite su scala industriale, è un passo importante per preservare la Terra.

Il riscaldamento globale potrebbe essere molto peggio del previsto
Gli scienziati osservando il passato della Terra possono prevedere come sarà il futuro. I ricercatori nel nuovo studio hanno ripensato ai periodi naturali di riscaldamento globale negli ultimi 3,5 milioni di anni e li hanno confrontati con l’attuale riscaldamento causato dall’uomo, sono arrivati a mettere insieme l’impatto di quei cambiamenti climatici combinando una vasta gamma di misurazioni compreso il carotaggio di ghiaccio, strati di sedimenti, documenti fossili, e l’utilizzo di isotopi atomici e molti altri metodi di paleoclima.
I cambiamenti climatici inflitti dall’uomo sono causati dalla combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas, rilasciano nell’atmosfera gas ad effetto serra come l’anidride carbonica e il metano.
L’autore principale dello studio Hubertus Fischer dell’Università di Berna in Svizzera e il suo team hanno scoperto che le nostre attuali previsioni sul clima possono sottostimare il riscaldamento a lungo termine, potrebbe essere due volte più elevato di quanto previsto in precedenza dai modelli climatici.
La ricerca ha anche rivelato come ampie aree delle calotte polari potrebbero collassare e cambiamenti significativi agli ecosistemi potrebbero trasformare il deserto del Sahara in aree verdi e i margini delle foreste tropicali trasformarsi in savana dominata dal fuoco.
Lo studio più recente, nel frattempo ha sostenuto che la Terra sta sprofondando in uno stato di effetto serra“, una minaccia per l’abitabilità del pianeta per gli esseri umani, con livelli del mare che potrebbero crescere fino a 200 metri più alti rispetto ai livelli attuali.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →