Dalle nascite vergini ai movimenti di purezza: i cristiani e il loro problema con il sesso

Robyn J. Whitaker è docente presso il Pilgrim Theological College, indirizzo ecumenico dell’Università della Divinità gestito dal Sinodo della Chiesa Unificatrice di Victoria e Tasmania. Studiosa e storica con un interesse particolare per l’uso contemporaneo (e l’abuso) della Bibbia nei dibattiti su sessualità, genere ed etica. Ha esperienza di ricerca sull’apocalittismo e sugli argomenti correlati alla speculazione della fine del mondo, del martirio e delle immagini del male. Ha pubblicato il seguente articolo sui cristiani e il loro problema con il sesso.
«Ci vollero 400 anni, ma all’inizio del V secolo i cristiani trasformarono una tradizione sulla miracolosa vergine nascita di Gesù in una dottrina che collegava indissolubilmente il sesso con il peccato, da allora ha afflitto la chiesa, causando in particolare danni indicibili a generazioni di donne.
L’affermazione che Gesù nacque da una madre vergine pone la sua nascita nel suo contesto originale, in una lunga serie di miracolose nascite bibliche. La Bibbia racconta di numerose donne anziane, sterili e giovani donne non sposate (“vergini” in termini antichi) che hanno sorprendentemente dato alla luce bambini. La loro progenie era vista come un segno della benedizione di Dio per la nuova vita, spesso nel mezzo della sofferenza o delle difficoltà.
L’idea del peccato originale e la sua connessione ai rapporti sessuali è stata resa popolare dal teologo africano Agostino, all’epoca non senza polemiche, sostenne che gli umani non erano nati innocenti, ma piuttosto peccaminosi. La sua logica era che il rapporto sessuale implica lussuria o desiderio sessuale (un aspetto negativo per lui).
Agostino mentre legava questo “peccato originale” ad Adamo ed Eva, l’attenzione parallela è rilevante sulla perpetua verginità di Maria: se il rapporto sessuale produce una progenie peccaminosa, era essenziale che Maria fosse e rimanesse vergine in modo che Gesù potesse univocamente nascere senza peccato.
Tale logica può sembrare assurda a molti moderni lettori, ma l’influenza di Agostino sulla tradizione cristiana non può essere sopravvalutata. Elaine Pagels docente statunitense, insegnante di storia del cristianesimo nell’università di Princeton, studiosa dei vangeli gnostici, nel suo libro “Adamo, Eva e il Serpente” sostiene che Agostino verso il sesso ha lasciato nella tradizione cristiana un retaggio di atteggiamenti problematici e complicati. È bene notare atteggiamenti che non sono nella Bibbia, non c’è alcun suggerimento nel testo biblico che il sesso consensuale sia altro che un dono di Dio. C’è persino un intero libro biblico dedicato alla poesia piuttosto erotica.
L’idea che Maria fosse una vergine perpetua era già in circolazione, ma l’influenza del pensiero di Agostino sul peccato originale avrebbe portato la Chiesa Cattolica romana del XIX secolo ad adottare la dottrina dell’Immacolata Concezione. Era questa l’idea che Maria stessa fosse stata concepita in modo immacolato, così da poter essere un vaso senza peccato per portare con sé Gesù fetale. Ciò ha consolidato l’associazione di purezza e verginità, portando probabilmente al movimento della cultura della purezza della Chiesa protestante nel XX secolo.
Il movimento di purezza ha le sue radici nei movimenti sociali del XIX secolo, cercavano di abolire la prostituzione, aumentare l’età del consenso e limitare la pornografia. Spesso guidati da donne con l’intenzione di proteggere le donne, questi movimenti hanno fatto appello agli uomini di non abusare del loro potere sociale e sessuale sulle donne. Tuttavia, il movimento americano per la purezza, alla fine del XX secolo sembra piuttosto diverso e ha probabilmente fatto del male alle donne.
Le chiese conservatrici americane negli anni ’90 hanno iniziato a concentrarsi su una radicale astinenza dal sesso, la cui natura avrebbe probabilmente fatto appello ad Agostino. Conosciuta come “cultura della purezza”, uomini e donne dovevano rimanere “puri”.
Le donne, tuttavia, portavano inevitabilmente il peso di questo insegnamento. Le ragazze nel promettere la loro verginità ricevevano anelli di promessa dai loro padri, un segnaposto per un anello di fidanzamento quando la loro verginità sarebbe stata promessa a un altro uomo: alle giovani donne fu insegnato che la cosa più importante che potevano offrire al loro futuro marito era un corpo non toccato da un altro maschio.
Molto è stato scritto sulla cultura della vergogna e dell’ignoranza sessuale che è derivata da una tal enfasi sulla purezza sessuale. Ci furono due notevoli risultati: il sesso al di fuori del matrimonio divenne la peggiore forma di peccato; le donne che subirono aggressioni sessuali furono spesso traumatizzate ulteriormente dall’insegnamento della loro chiesa sulla purezza e sulla vergogna.
Il danno causato è ora ampiamente riconosciuto anche da Josh Harris, un tempo tra i pastori evangelici più famosi d’America, ha ammesso nella sua prima intervista da quando ha rinunciato al cristianesimo di aver rovinato vite e matrimoni, quindi si è scomunicato dalla fede che l’ha reso famoso.
Josh Harris diventato famoso per il suo libro del 1997, “I Kissed Dating Goodbye”, scritto per scagliarsi contro il sesso prima del matrimonio e l’omosessualità, ha venduto oltre 1 milione di copie, diventando un appuntamento fisso nei gruppi di giovani cristiani dopo essere uscito 22 anni fa.
Josh Harris ora afferma che il lavoro del 1997 “ha contribuito a una cultura dell’esclusione e del bigottismo”, per questo “ho subito un enorme cambiamento rispetto alla mia fede in Gesù”. Su Instagram, ha aggiunto: “Secondo tutte le misure che ho per definire un cristiano, non sono un cristiano”.
Ha interrotto la vendita del libro e si è scusato per il danno che ha causato nel promuovere la cultura della purezza tra i millennial, anche se a quel punto il libro aveva venduto 1,2 milioni di copie. In particolare ha detto:
“Alla comunità LGBTQ +, voglio dire che mi dispiace per le opinioni che ho insegnato nei miei libri e come pastore per quanto riguarda la sessualità. Mi pento di essere contrario all’uguaglianza matrimoniale, per non aver affermato te e il tuo posto nella chiesa, e per tutti i modi in cui la mia scrittura e il mio modo di parlare hanno contribuito a una cultura di esclusione e fanatismo. Spero che tu possa perdonarmi “.
I “peccati” sessuali negli ambienti conservatori cristiani continuano a essere considerati i peggiori tipi di peccato, questo retaggio rafforza i ruoli gerarchici di genere, può spingere l’attività sessuale sottoterra come qualcosa di nascosto o segreto, e inibisce presumibilmente un sano sviluppo sessuale nei giovani; allo stesso modo, diminuisce qualsiasi robusta teologia del peccato e, preoccupante, può creare condizioni pericolose per le persone vulnerabili alla predazione sessuale.
È emerso che in questi secoli di pensiero sulla verginità, il sesso e il peccato ci hanno portato lontano dalla donna i cui bambini cristiani festeggiano a Natale; in qualche modo, una giovane donna vergine è stata usata dagli uomini per sostenere affermazioni secondo cui il sesso è uguale al peccato.
Tuttavia, nella tradizione cristiana, Maria è meglio ricordata come madre di Dio, profeta e fedele seguace di Gesù, in particolare per le donne è stata a lungo sostenuta come modello di fede. E così dovrebbe essere, non perché sia mai stata “pura” o rimasta vergine, ma perché esemplifica una fede coraggiosa”».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →