Commercio globale danneggiato dai paesi che accumulano derrate per timore del coronavirus

Gli acquirenti di generi alimentari non sono i soli ad accumulare nella dispensa i prodotti di prima necessità, alcuni governi si stanno muovendo per assicurarsi le forniture alimentari nazionali durante la pandemia del conoravirus Covid-19.
Il Kazakistan, uno dei più grandi spedizionieri mondiali di farina di grano, ha vietato l’esportazione di questo prodotto insieme ad altri, tra cui carote, zucchero e patate. Il Vietnam ha temporaneamente sospeso i nuovi contratti di esportazione di riso. La Serbia ha fermato il flusso del suo olio di girasole e di altre merci, mentre la Russia per i divieti, ha detto che sta valutando la situazione settimanalmente: per essere chiari, ha fatto una manciata di spedizioni, non ci sono segni certi che ce ne siano molti altri all’orizzonte. Tuttavia, quello che sta succedendo ha sollevato un interrogativo: è questo l’inizio di un’ondata di nazionalismo alimentare che perturberà ulteriormente le catene di approvvigionamento e i flussi commerciali?
Tim Benton, dirige il programma Energia, ambiente e risorse della Chatham House di Londra, sui rischi emergenti, è impegnato con un gruppo di esperti nell’analisi e nella soluzione di problemi complessi, ha detto:
«Stiamo iniziando a vedere il fenomeno, tutto ciò che possiamo prevedere è che questo blocco sta per peggiorare».
Le scorte di cibo sono abbondanti ma gli ostacoli logistici rendono più difficile ottenere prodotti dove è necessario, dato che il coronavirus Covid-19 ha scatenato misure senza precedenti, acquisti in preda al panico e la minaccia di una contrazione del lavoro.
I consumatori di tutto il mondo stanno continuando a stipare le loro dispense, mentre le ricadute economiche causate dal coronavirus Covid-19 sono appena iniziate. Lo spettro di ulteriori restrizioni commerciali sta risvegliando i ricordi di come il protezionismo possa spesso finire per causare più danni che benefici: questo adagio adesso è particolarmente vero, perché le mosse sarebbero dettate dall’ansia e non sarebbero fatte in risposta a danni delle colture o ad altri problemi di approvvigionamento.
Ann Berg, consulente indipendente, esperta di commercio agricolo, ha iniziato la sua carriera al Louis Dreyfus Co. nel 1974, ha detto:
«Molti governi hanno adottato misure estreme, stabilendo il coprifuoco e limiti anche per le persone che si avventurano per acquistare qualcosa che non sia l’essenziale. Ciò potrebbe ripercuotersi sulla politica alimentare, con razionamenti adottati in tempo di guerra, controllo sui prezzi e le scorte».
Molte nazioni stanno incrementando le loro riserve strategiche, la Cina, il più grande produttore e consumatore di riso, si è impegnata a comprare più che mai dal suo raccolto interno, anche se il governo possiede già enormi scorte di riso e grano, sufficienti per il fabbisogno di un anno; anche i principali importatori di grano, tra cui Algeria e Turchia, hanno indetto nuove gare d’appalto. Il Marocco ha dichiarato che una sospensione dei dazi all’importazione di grano durerà fino a metà giugno.
L’adozione di politiche nazionalistiche da parte dei governi, rischia di sconvolgere un sistema internazionale che negli ultimi decenni è diventato sempre più interconnesso. Il Kazakistan aveva già fermato le esportazioni di altri prodotti alimentari di base, come il grano saraceno e le cipolle, prima della decisione di questa settimana di tagliare le spedizioni di farina di grano: quest’ultima decisione rappresenta un provvedimento molto incisivo, ha il potenziale di influenzare le aziende di tutto il mondo che per fare il pane si affidano alle forniture.
Il problema è che per alcuni prodotti di base, un limitato numero di paesi, o ancor meno, costituisce la maggior parte delle forniture esportabili. Le interruzioni di queste spedizioni produrrebbe notevoli ripercussioni a livello globale: prendiamo ad esempio, la Russia, è il primo esportatore mondiale di grano e fornitore chiave del Nord Africa. Il Vietnam è il terzo più grande esportatore di riso, esporta molti dei suoi carichi nelle Filippine.
Tim Benton ha detto:
«I governi se non lavorano in modo collettivo e cooperativo per garantire un’offerta globale, se stanno solo mettendo le loro nazioni al primo posto, si può finire in una situazione in cui le cose peggiorano. Gli acquisti frenetici abbinati a politiche protezionistiche potrebbero alla fine portare ad un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, un ciclo che potrebbe prolungarsi. I costi del pane hanno una lunga storia di disordini e instabilità politica, durante i picchi dei prezzi alimentari del 2008 e 2011, ci sono stati disordini alimentari in più di 30 nazioni in Africa, Asia e Medio Oriente, senza la fornitura di cibo, le società si sgretolano».
Dan Kowalski, vice presidente della ricerca di CoBank, finanziatore di 145 miliardi di dollari per l’industria agricola, ha detto:
«A differenza dei periodi precedenti di inflazione alimentare dilagante, le scorte globali di colture di base come mais, grano, soia e riso sono abbondanti, per questo, per i prezzi attuali, non ci aspettiamo enormi guadagni».
I picchi dell’ultimo decennio per le colture sono stati inizialmente causati da problemi climatici, le politiche ne hanno aggravato le conseguenze. La Russia nel 2010 ha registrato un’ondata di calore record che ha danneggiato il raccolto di grano. Il governo ha risposto vietando le esportazioni per assicurarsi che i consumatori locali ne avessero abbastanza.
La media dei prezzi alimentari globali delle Nazioni Unite ha raggiunto un livello record nel febbraio 2011. Maximo Torero, capo economista dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha detto:
«Considerato il problema che stiamo affrontando, ora non è il momento di mettere in atto questo tipo di politiche, al contrario, è il momento di cooperare e coordinarsi».
Naturalmente, i pochi divieti in vigore potrebbero non durare, i segnali di un ritorno alla normalità potrebbero impedire ai paesi di adottare misure drastiche. I consumatori quando inizieranno a vedere più prodotti sugli scaffali, potrebbero smettere di fare incetta, permettendo ai governi di fare marcia indietro. X5 Retail Group, il più grande rivenditore russo di prodotti alimentari, ha detto che la domanda di prodotti di prima necessità sta iniziando a stabilizzarsi. I principali negozi come Walmart Inc. negli Stati Uniti, hanno ridotto le ore di negozio per consentire ai suoi dipendenti di rifornire gli scaffali lasciati vuoti.
I prezzi dei prodotti alimentari hanno già iniziato a salire a causa dell’aumento degli acquisti. I futures del grano a Chicago, il punto di riferimento globale, sono saliti di oltre l’8% a marzo, mentre i consumatori stanno acquistando la farina. La carne di manzo all’ingrosso degli Stati Uniti questa settimana ha raggiunto il massimo dal 2015 e i prezzi delle uova sono più alti.
Il dollaro statunitense nel frattempo è in rialzo rispetto a una serie di valute dei mercati emergenti. Ciò riduce il potere d’acquisto per i paesi che spediscono le materie prime, che di solito hanno un prezzo in dollari.
Tim Benton in conclusione ha detto:
«Ogni volta che per qualsiasi motivo c’è una perturbazione dei mercati finanziari, alla fine sono i paesi meno sviluppati con valute deboli ad essere i più colpiti».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →