Carenza di mascherine N95, la decontaminazione assicura il loro riutilizzo

Il team di ricerca e clinici di Duke Health di fronte a una carenza critica di mascherine N95 che bloccano il coronavirus Covid-19, hanno confermato il metodo esistente per utilizzare il perossido di idrogeno vaporizzato per decontaminare le mascherine in modo che possano essere riutilizzate.
Il processo utilizza attrezzature specializzate per aerosol perossido di idrogeno, permea gli strati della mascherina per uccidere i germi, compresi i virus, senza degradare il materiale della mascherina.
Scott Alderman, direttore associato del Duke Regional Biocontainment Laboratory, ha detto:
«È una tecnologia e un metodo di decontaminazione che abbiamo usato per anni nel nostro laboratorio di biocontenimento».
Matthew Stiegel, direttore dell’Ufficio per la sicurezza occupazionale e ambientale, ha aggiunto:
«Non avevamo mai pensato di averne bisogno per qualcosa come le mascherine N95. Ora abbiamo dimostrato che il metodo funziona. La tecnologia sarà immediatamente utilizzata in tutti e tre gli ospedali del Duke Health».
Il processo di decontaminazione dovrebbe mantenere un numero significativo di mascherine N95 in uso presso il Duke University Hospital e gli ospedali Duke Regional e Duke Raleigh, alleviando alcune carenze e frenando la necessità di utilizzare altre alternative con tecniche di decontaminazione non testate.
L’uso del perossido di idrogeno per decontaminare le mascherine N95 è stato testato e pubblicato da altri nel 2016, ma non ha dato luogo ad un adattamento diffuso. Il processo di decontaminazione richiede attrezzature specializzate che aerosolizzano il perossido di idrogeno e una struttura chiusa in cui le mascherine possono essere esposte al vapore: non si verificano sottoprodotti tossici, poiché il perossido di idrogeno si decompone in acqua.
Cameron Wolfe, professore associato di medicina e specialista in malattie infettive, ha detto:
«Riutilizzare le mascherine N95 aumenterà la capacità degli ospedali di proteggere gli operatori sanitari in prima linea per fronteggiare il coronavirus Covid-19 durante questo periodo di carenza critica».
Monte Brown, vice presidente del Duke University Health System, ha dichiarato:
«Il team di Duke sta lavorando per diffondere informazioni sulla tecnica, rendendo ampiamente disponibili i protocolli. Molte aziende farmaceutiche e diversi sistemi sanitari dispongono già dell’attrezzatura necessaria, attualmente è utilizzata in diversi modi, potrebbe accelerare le operazioni per venire in aiuto dei loro ospedali locali. Assicuriamo al nostro personale che stiamo usando un metodo di decontaminazione comprovato. È stato collaudato per anni; anche se da solo non risolverà il problema, se noi e altri potessimo riutilizzare le mascherine N95 anche una o due volte, sarebbe un enorme vantaggio, date le attuali carenze».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →