Abusivismo: in India utilizzano gli elefanti per demolire le baracche abusive

La bonifica o la rimozione di siti abusivi nella maggior parte dei paesi è un processo lento, impantanato nella burocrazia e sorretto da infiniti procedimenti giudiziari.
L’abusivismo in India sembra essere stato risolto con una soluzione più diretta con l’intervento degli elefanti. I pachidermi fanno parte di una squadra d’elite utilizzata dai funzionari indiani per bonificare il terreno della foresta dai residenti abusivi.
Il Dott. RD Tanwar, responsabile per le foreste della regione Assam, nel nord-est dell’India, ha dichiarato:
«Il terreno collinare della regione rende impossibile l’intervento di demolizione con i bulldozer o veicoli di grandi dimensioni. Arduo mandare anche il personale delle squadre di demolizione, la gente li caccia via. Abbiamo deciso di assumere elefanti dai mahaut locali, è l’unico modo sensato per demolire le baracche abusive nella regione collinare».
Animesh Prabat, un residente locale di Ghandi Hills Mandap dove gli ultimi sfratti hanno avuto luogo, ha detto:
«La regione ha centinaia di elefanti addomesticati che in precedenza, quando non era vietato, sono stati utilizzati nel commercio del legname. I loro proprietari ora li mettono in affitto per matrimoni e altre funzioni sociali».
Le organizzazioni per il benessere degli animali sono scese sul piede di guerra contro il dipartimento forestale, contestano l’utilizzo degli elefanti (considerati animali in via di estinzione), per i lavori di demolizione.
Poorva Joshipura, trentaquattro anni, Vice Presidente delle Operazioni Internazionali con PETA Foundation, e Funzionario Delegato di PETA India, ha detto:
«L’uso di elefanti per demolire strutture illegali è sempre stato e rimane una mossa da imbecilli. Costringere questi animali a impattare sul calcestruzzo e lamiere è una violazione dell’articolo undici della legge sulla Prevenzione della Crudeltà verso gli Animali, mostra un totale disprezzo per il benessere degli animali e il patrimonio della nostra nazione.
L’attenzione del governo non dovrebbe riguardare solo la protezione delle foreste ma anche quella degli animali che vi risiedono, garantendo loro tranquillità e non essere deliberatamente costretti ad atti che procurano angoscia, dolore e lesioni».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento