I francesi utilizzano il formaggio come combustibile per le centrali elettriche

La produzione di energia elettrica da formaggio potrebbe essere la trama di un libro di fumetti di Asterix, ma questo è esattamente ciò che sta accadendo a una nuova centrale francese sulle Alpi: il siero scremato, un sottoprodotto del formaggio Beaufort, presso lo stabilimento di Albertville, in Savoia, è convertito in biogas, una miscela di metano e biossido di carbonio. I batteri sono aggiunti al siero di latte per produrre il gas, che poi è utilizzato per generare elettricità per essere venduta alla società elettrica EDF.
François Decker della Valbio, la società che ha progettato e costruito la centrale elettrica, aperta nel mese di ottobre, al quotidiano Le Parisien ha detto:
«Il siero di latte è il nostro carburante, semplicemente è come lo stesso ingrediente naturale del yogurt. Il latte intero trattato per fare il formaggio Beaufort, rilascia il siero di latte e la panna. La crema è utilizzata per la produzione di ricotta, burro e per le proteine in polvere, utilizzate come integratore alimentare.
Il residuo siero scremato è posto in un serbatoio con i batteri, dove la fermentazione naturale produce metano nello stesso modo del gas che è prodotto nello stomaco della mucca.
Il gas è alimentato attraverso un motore che riscalda l’acqua a 90° C e genera energia elettrica. L’impianto produrrà circa 2,8 milioni di chilowattora (kWh) l’anno, abbastanza elettricità da alimentare una comunità di 1.500 persone».
L’impianto di Valbio non è la prima centrale elettrica alimentata a formaggio ma è una delle più grandi. Valbio dieci anni fa ha costruito il suo primo prototipo d’impianto accanto a un’abbazia, dove i monaci dal 12° secolo  producono il formaggio. Da allora, circa altri 20 piccoli impianti sono stati costruiti in Francia, in altri paesi europei e in Canada. E’ in programma la costruzione di altre unità in Australia, Italia, Brasile e Uruguay.
Wyke Farms i casari a conduzione familiare nella contea di Somerset in Inghilterra, genera la propria elettricità da rifiuti del formaggio, letame di mucca e avanzi delle colture. La miscela è versata nei biodigestori, genera energia elettrica utile per rendere autosufficiente la produzione di formaggio.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento