Nuovo trattamento può invertire gli effetti avversi della celiachia

I risultati di una nuova sperimentazione clinica di fase 2, basata su tecnologie sviluppate dalla Northwestern Medicine, dimostrano che è possibile indurre una tolleranza immunitaria al glutine nelle persone affette da celiachia. I risultati possono aprire la strada ai pazienti celiaci trattati per tollerare il glutine nella loro dieta.
I pazienti dopo il trattamento con questa tecnica hanno potuto mangiare glutine con una sostanziale riduzione dell’infiammazione. I risultati mostrano inoltre una tendenza a proteggere l’intestino tenue dei pazienti dall’esposizione al glutine.
Il nuovo trattamento è stato presentato alla conferenza della Settimana Europea della Gastroenterologia a Barcellona, Spagna. La tecnologia è basata su una nanoparticella biodegradabile contenente glutine, indica al sistema immunitario che l’antigene (allergene) è sicuro. La nanoparticella agisce come un cavallo di Troia, nascondendo l’allergene in un guscio amichevole, per convincere il sistema immunitario a non attaccarlo.
La scoperta di là della malattia celiaca, pone le basi della tecnologia (una nanoparticella contenente l’antigene che provoca l’allergia o la malattia autoimmune) per trattare una serie di altre malattie e allergie, tra cui la sclerosi multipla, il diabete di tipo 1, l’allergia alle arachidi, l’asma e altro ancora.
La tecnologia è stata sviluppata nel laboratorio di Stephen Miller, professore di microbiologia e immunologia alla Northwestern University Feinberg School of Medicine, ha trascorso decenni a perfezionare la sua tecnica. Ha detto:
«È la prima dimostrazione che questa tecnologia funziona nei pazienti. Abbiamo anche dimostrato che possiamo incapsulare la mielina nella nanoparticella per indurre tolleranza a quella sostanza in diversi modelli di sclerosi multipla, o introdurre una proteina dalle cellule beta pancreatiche per indurre tolleranza all’insulina in modelli di diabete di tipo 1».
Il sistema immunitario non è attivato quando la nanoparticella carica di allergene è iniettata nel flusso sanguigno, perché la vede come un residuo innocuo. La nanoparticella e il suo carico nascosto in seguito sono consumati da un macrofago, essenzialmente è una cellula che agisce come un “aspirapolvere”, elimina dal corpo i detriti cellulari e gli agenti patogeni.
Stephen Miller ha aggiunto:
«In pratica la cellula aspirapolvere nel presentare l’allergene o l’antigene al sistema immunitario dice: “Non c’è da preoccuparsi, questo appartiene a noi”. Il sistema immunitario apprende il segnale, arresta il suo attacco all’allergene tornando alla normalità».
La nanoparticella nella sperimentazione sulla malattia celiaca, è stata caricata di gliadina, componente principale del glutine alimentare, presente nei cereali come il frumento. I pazienti una settimana dopo il trattamento, per 14 giorni sono stati nutriti con glutine; i pazienti celiaci non trattati che hanno mangiato glutine hanno sviluppato una marcata risposta immunitaria alla gliadina e danni nel loro intestino tenue.
I pazienti celiaci trattati con la nanoparticella COUR, CNP-101, hanno mostrato una risposta d’infiammazione immunitaria inferiore del 90% rispetto ai pazienti non trattati. Interrompendo la risposta infiammatoria, la CNP-101 ha dimostrato la capacità di proteggere l’intestino da lesioni causate dal glutine.

Attualmente non esiste un trattamento per la celiachia
Stephen Miller ha detto:
«I medici possono solo prescrivere l’eliminazione del glutine, non è sempre efficace e comporta un pesante tributo sociale ed economico per i pazienti celiaci».
Circa l’1% della popolazione è affetto da celiachia, una grave malattia autoimmune in cui l’ingestione di glutine porta a danni all’intestino tenue. Le persone affette da celiachia quando mangiano glutine (una proteina presente nel grano), il loro corpo attiva una risposta immunitaria che attacca l’intestino tenue.
Le malattie autoimmuni in genere possono essere trattate solo con sostanze soppressive immunitarie che forniscono un certo sollievo, ma compromettono il sistema immunitario e portano a effetti collaterali tossici. La nanaparticella CNP-101 non sopprime il sistema immunitario, ma inverte il corso delle malattie.
Ciaran Kelly, professore di medicina alla Harvard Medical School e direttore del Celiac Center al Beth Israel Deaconess Medical Center, ha detto:
«La malattia celiaca è diversa da molti altri disturbi autoimmuni, perché l’antigene incriminato, il glutine nella dieta (innesco ambientale) è ben conosciuto. Ciò rende la malattia del celiaco, una condizione perfetta per affrontare il problema utilizzando questo nuovo sistema di tolleranza immunitaria indotta dalle nanoparticelle».
Ciaran Kelly ha presentato la descrizione della ricerca a Barcellona, ha lavorato con Stephen Miller per applicare la tecnologia e definire la procedura terapeutica per il trattamento della celiachia.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →