I ricercatori scoprono un nuovo trattamento per i bambini con gravi crisi epilettiche

La maggior parte delle convulsioni convulsive generalizzate in adulti e bambini sebbene spaventose da osservare s’interrompe in circa 2 minuti con o senza trattamento. Le convulsioni che durano più di 5 minuti, tuttavia, di solito non si fermano senza un trattamento anticonvulsivante. Il trattamento iniziale per questi pazienti in stato epilettico è la somministrazione di una benzodiazepina in modo rapido e adeguato.
Le linee guida per il dosaggio delle benzodiazepine si basano su dati di alta qualità provenienti da studi randomizzati controllati. Lo stato epilettico, trattato secondo le linee guida, dovrebbe risolversi in circa il 70% dei pazienti dopo il trattamento di prima linea con le benzodiazepine.
Le linee guida nel rimanente 30% dei pazienti con convulsioni che non rispondono al trattamento di prima linea con le benzodiazepine, raccomandano il trattamento con uno qualsiasi dei diversi anticonvulsivanti di seconda linea.
Le linee guida per gli anticonvulsivanti di seconda linea in pazienti con stato epilettico, sfortunatamente hanno dovuto fare affidamento su scarsi dati e qualità relativamente bassa di studi osservazionali o molto limitati; disponibili pochi dati provenienti da ampi studi randomizzati per determinare quali agenti sono più efficaci, o anche se uno qualsiasi degli anticonvulsivanti di seconda linea raccomandati funziona in questa impostazione.

Nuovo corso di trattamento
Le crisi epilettiche prolungate rappresentano l’emergenza neurologica più frequente nei bambini visitati dagli ospedali. Le convulsioni sono potenzialmente fatali: fino al 5% dei bambini colpiti muore e un terzo soffre di complicazioni a lungo termine a causa di danni cerebrali. Fondamentalmente, più lunghe sono le convulsioni, maggiore è la possibilità di complicanze a lungo termine.
Lo studio – che cambierà la gestione di questa condizione a livello internazionale – è stato pubblicato il 18 aprile 2019 nella rivista medica The Lancet. E’ stato diretto dal professor Stuart Dalziel della facoltà di medicina e scienze della salute presso l’Università di Auckland e l’ospedale per bambini di Starship, e dal professor Franz Babl presso Murdoch Children’s Research Institute di Melbourne.
La prima linea di trattamento (benzodiazepine) ferma le crisi nel 40-60% dei pazienti. Il trattamento di seconda linea precedente questo studio era il farmaco anti-convulsivo fenitoina, ma fino ad ora questa pratica non era mai stata scrutinata in un importante studio controllato randomizzato. Inoltre, la fenitoina era nota per avere una serie di gravi complicanze.
I ricercatori in questo studio di portata mondiale, finanziato dall’Health Research Council della Nuova Zelanda, hanno confrontato la fenitoina con il più recente levetiracetam anti-convulsivo per il trattamento di seconda linea delle crisi. Levetiracetam è usato abitualmente come un farmaco giornaliero per prevenire le convulsioni, ma non è stato adeguatamente testato contro la fenitoina per il trattamento delle gravi crisi prolungate.
La ricerca, condotta dalla rete Predict in 13 dipartimenti di emergenza presso gli ospedali di Aotearoa in Nuova Zelanda e in Australia, ha coinvolto 233 bambini di età compresa tra i tre mesi e 16 anni.
I ricercatori hanno scoperto che, se somministrati singolarmente, i farmaci sono buoni l’uno con l’altro, entrambi nel fermare una crisi prolungata hanno avuto un moderato tasso di successo (50-60%).
Sorprendentemente, il trattamento con un farmaco e poi l’altro ha aumentato il tasso di successo di arresto di un attacco a circa il 75%; in precedenza i bambini che continuavano ad avere un attacco dopo la fenitoina, dovevano essere intubati, sedati e collegati a un respiratore in terapia intensiva.
I ricercatori somministrando questi due farmaci uno dopo l’altro, hanno potenzialmente dimezzato il numero di bambini ventilati e inviati alle cure intensive.
Il dott. Stuart Dalziel professore di medicina d’urgenza e pediatria nei dipartimenti di chirurgia e pediatria e specialista in medicina d’emergenza pediatrica all’ospedale pediatrico Starship di Auckland, ha detto:
«Lo studio ci ha ora fornito solide prove per gestire i bambini con crisi prolungate senza ricorrere all’intubazione e alla terapia intensiva. Controllando le crisi nel reparto di emergenza aumenteremo la possibilità che questi bambini si riprendano con più rapidità e tornino alle loro normali vite; questa ricerca ha già cambiato procedura e portato a nuove linee guida in Nuova Zelanda e in Australia».
Franz Babl, professore di medicina di emergenza pediatrica presso l’Università di Melbourne, ha detto:
«Lo studio sta andando a migliorare profondamente il trattamento per i bambini che sono gravemente malati di epilessia in tutto il mondo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →