La malattia celiaca rimane un mistero scientifico

I medici non sanno molto sulla malattia celiaca i dati sono relativamente scarsi. Gli scienziati sanno che il consumo di glutine nei pazienti innesca una risposta immunitaria che può danneggiare il piccolo intestino, la malattia autoimmune è genetica, ma le cause sono praticamente sconosciute. Jeremiah Levine, gastroenterologo pediatrico a NYU Langone Health, spiega che i ricercatori sono perplessi perché i sintomi per alcuni possono apparire nella prima infanzia, mentre altri pazienti celiaci non si rendono conto che soffre della malattia fino al raggiungimento dei settanta anni.
La convinzione popolare è che certi eventi possono innescare la celiachia, rendendola attiva nelle persone già affette dalla malattia. NPR riferisce che in uno studio condotto nel 2013, gli adulti con casi confermati di celiachia hanno avuto anche eventi più gravi e frequenti prima di essere diagnosticati. I ricercatori hanno scoperto che i topi che erano stati esposti al comune norovirus, hanno mostrato una risposta immunologica al glutine dopo che erano stati resi più sensibili alla celiachia.
Jeremiah Levine ha aggiunto:
«La teoria che le persone usano per spiegare l’aspetto improvviso della malattia è per lo più sostenuta da prove analitiche. Il ragionamento è che questi eventi che provocano danni intestinali, attivano la malattia, alcune di queste sostanze che attraversano l’intestino attivano il sistema immunitario, così potenzialmente tutto ciò che può danneggiare la barriera intestinale, può rendere più inclini a sviluppare la celiachia in quelle persone che sono geneticamente predisposte. Inoltre è praticamente impossibile individuare il fattore scatenante della malattia. E’ emerso che una parte significativa delle persone affette da celiachia è asiomatica quando è diagnosticata, anche se potrebbe averla innescata 15 anni prima della comparsa dei sintomi.
Rimanere incinta o prendere l’influenza non aumenteranno il rischio di celiachia, in pericolo sono solo le persone con i marcatori genetici della malattia, circa il 30 per cento della popolazione ha i geni che li rendono suscettibili al disturbo autoimmune, ma solo circa l’uno per cento soffre effettivamente della condizione.
La Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti, rileva che la malattia spesso non è diagnosticata perché i sintomi possono essere simili a quelli di altri disturbi. In genere, alle persone non è eseguita la diagnosi celiaca fino a quando non lamentano e soffrono di sintomi per 6 -10 anni».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento