Nuova tecnica di individuare le sfere di Dyson per trovare civiltà aliene avanzate

Il fisico americano Freeman Dyson nel 1960 propose l’idea che una civiltà aliena molto avanzata e assetata di potere potesse, in teoria, sfruttare la maggior parte dell’energia della loro stella ospite costruendo attorno a sé una vasta struttura per assorbirne le radiazioni.
Gli scienziati del SETI (Ricerca di Intelligenza Extraterrestre), hanno compiuto una serie di ricerche per tali strutture, note come sfere di Dyson (è un’ipotetica enorme struttura di rivestimento che potrebbe essere applicata attorno ad un corpo stellare allo scopo di catturarne l’energia), senza scoprire alcuna prova convincente.
Ora, in un articolo pubblicato su The Astrophysical Journal, i ricercatori dell’Università di Uppsala, in Svezia, e l’Università di Heidelberg, in Germania, hanno proposto un nuovo modo di individuare le sfere di Dyson, potrebbe avere più vantaggi rispetto ai precedenti tentativi. Finora, questi tentativi si sono concentrati sulla ricerca di segni di luce infrarossa in eccesso, questo perché la struttura sferica probabilmente bloccherebbe la maggior parte della luce visibile dalla stella.
La sfera di Dyson generando luce infrarossa dovrebbe avere una temperatura tra 50 e 1.000 Kelvin (da – 223 a 727 °C), gli scienziati pensano di essere in grado di rilevare la firma di questa caratteristica, anche se ciò non è ancora stato raggiunto.
Il nuovo articolo, tuttavia, suggerisce che una sfera di Dyson potenzialmente potrebbe essere fatta da un materiale che non è stato considerato nelle ricerche precedenti, sarebbe in grado di oscurare la luce della stella in modo uniforme su tutte le lunghezze d’onda. Ciò potrebbe ostacolare la ricerca perché gli studi precedenti tendevano a cercare le sfere di Dyson utilizzando un metodo di analisi che esamina le proprietà di luce delle stelle note come spettrofotometria. Le osservazioni della struttura se fosse fatta di un materiale come quello proposto nel nuovo studio, mostrerebbero che la stella è più lontana di quanto non sia.
Il team guidato da Erik Zackrisson di Uppsala, per aiutare gli scienziati a identificare le ipotetiche strutture suggerisce di utilizzare un altro metodo in combinazione con le tecniche spettrofotometriche, è il metodo della parallasse consiste nel cambiamento della posizione apparente di una stella sulla volta celeste secondo il periodo dell’anno, non è influenzato dal tipo di oscuramento della luce che ostacola l’altro metodo.
Il team ha utilizzato sia i dati sulla distanza parallasse recentemente rilasciati dal progetto Gaia dell’Agenzia Spaziale Europea (mira a catalogare un miliardo di stelle), sia dati sulla distanza spettrofotometrica dall’esperimento sulla velocità radiale (RAVE) per identificare differenze tra le due serie d’informazioni del tipo che si prevede sorgano se è presente una sfera di Dyson, quasi completa.
E’ curioso notare che la loro analisi ha identificato una stella in particolare, nota come TYC 6111-1162-1, si avvicina molto alle attese variazioni di distanza. Sebbene non ci siano prove convincenti che questa stella rappresenta una civiltà avanzata – la diversità di distanza potrebbe potenzialmente sorgere perché la stella fa parte di un sistema binario, o di altri fattori, come sfera di Dyson è il miglior candidato scoperto fino ad oggi.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →