La siccità ha giocato un ruolo chiave nella scomparsa della civiltà Maya

I Maya costruirono una delle più grandi civiltà delle Americhe, la storia della loro scomparsa per secoli ha appassionato la gente. Ora, un nuovo studio riferisce che gli aspetti ambientali – in particolare la siccità – sono stati un aspetto chiave del loro declino.
La prima segnalazione di una vera civiltà maya risale a millenni di anni fa, nel 2000 a.C. Essi raggiunsero il picco della loro potenza molto più tardi, durante il periodo classico, che durò fino all’anno 900 dC. La maggior parte delle città maya erano ampie esposizioni architettoniche, con palazzi splendenti, templi piramidali, campi cerimoniali e strutture allineate per l’osservazione astronomica.
I Maya tendevano a svilupparsi in modo casuale, mostrando poca preoccupazione per ciò che il futuro poteva portare – e chi poteva biasimarli? Durante il loro periodo di massimo splendore, controllavano l’intera penisola dello Yucatan e tutto il territorio ora incorporato nei moderni paesi del Guatemala e Belize, nonché nelle regioni occidentali dell’Honduras e del Salvador.
La loro scarsa preoccupazione, dopo di tutto, non è stata priva di conseguenze, il loro potere nel corso del IX secolo, ha iniziato a declinare. Le loro belle città calcaree furono abbandonate e, passo dopo passo, la civiltà Maya si ritirò ed entrò rapidamente in declino. Ci sono segnalazioni di Maya dopo l’anno 1000 d.C., ma la loro civiltà è stata quasi completamente cancellata.
Le ragioni del loro declino non sono semplici: invasione, guerra, degrado ambientale e crollo delle rotte commerciali sono tutti fattori che hanno avuto un ruolo da giocare. E’ emersa negli anni ’90 una teoria interessante: i ricercatori dopo aver correlato il declino dei Maya con i dati ambientali, hanno trovato un esteso periodo di siccità, abbastanza lungo e grave per influenzare la stabilità dell’impero costruito dai Maya.
Nick Evans, ricercatore presso il Dipartimento di Scienze della Terra di Cambridge, primo autore del documento, ha detto:
«Il ruolo del cambiamento climatico nel crollo della civiltà maya nel periodo classico è piuttosto controverso, in parte perché i documenti precedenti si limitano a ricostruzioni qualitative, ad esempio se le condizioni erano più umide o più secche. Il nostro studio rappresenta un progresso sostanziale poiché fornisce stime statisticamente valide dei livelli di pioggia e umidità durante la caduta dei Maya».

Dettagli sullo studio della siccità ruolo chiave nella scomparsa della civiltà Maya
Nick Evans e colleghi hanno analizzato i diversi isotopi dell’acqua intrappolata nel gesso, un minerale che può formarsi sul fondo dei laghi durante i periodi di grave siccità. Hanno scoperto che i livelli di precipitazioni annuali erano diminuiti tra il 41% e il 54% durante il periodo del collasso della civiltà maya, con periodi di picco di siccità corrispondente a una riduzione del 70% delle precipitazioni.

Acqua nel gesso
In periodi di siccità, la maggior parte dell’acqua tende a evaporare da laghi come il Chichancanab, dove è stato condotto questo studio. Poiché gli isotopi più leggeri dell’acqua evaporano più rapidamente, le molecole d’acqua rimanenti (che contengono anche altri prodotti chimici) diventano più pesanti. La percentuale più elevata d’isotopi più pesanti come l’ossigeno-18 e l’idrogeno-2 (deuterio) indicherebbe quindi condizioni di siccità. I ricercatori hanno mappato la proporzione di differenti isotopi contenuti in ogni strato di gesso, tracciando essenzialmente i livelli di pioggia nel periodo del collasso Maya.
Il professor David Hodell, direttore del Godwin Laboratory for Palaeoclimate Research di Cambridge, autore di quest’articolo, è stato il primo a stabilire una correlazione tra la siccità e il periodo di declino dei Maya. Ha elogiato la metodologia di misurazione del gesso, affermando che lascia pochissimo spazio all’interpretazione:
«Questo metodo è molto accurato ed è quasi come misurare la stessa acqua».
Sebbene le circostanze che hanno portato al declino dei Maya siano complesse, la siccità anche se non può essere considerata l’unico grande colpevole, come minimo ha svolto un ruolo importante.
I ricercatori ora cercheranno di utilizzare misure più dettagliate e costruire modelli più precisi per vedere come la siccità avrebbe influenzato l’agricoltura dei Maya, soprattutto le colture di base come il mais.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →