Ecco Nophone lo smartphone per combattere la nomofobia

Nophone è stato creato per coloro che soffrono di nomofobia (paura irrazionale di uscire di casa senza il cellulare, l’ansia per la perdita o mancanza del proprio telefono cellulare). E’ un fenomeno in espansione di cui soffrono un sempre maggior numero di persone. Lo stato psichico indica una specie di dipendenza dalla tecnologia la cui mancanza improvvisa magari derivata, per esempio, anche dall’impossibilità temporanea di provvedere a ricaricare la batteria del cellulare, ingenera uno stato di agitazione diffuso per il fatto di non poter comunicare attraverso i consueti strumenti a nostra disposizione e quindi ci si sente isolati e incapaci di reagire.
Nophone (per combattere la nomofobia) ha caratteristiche superiori ad un normale smarphone, è completamente senza fili, senza batteria, non necessita di aggiornamenti software, è infrangibile, impermeabile, può fare tutto … tranne che ricevere e comunicare, inviare e ricevere messaggi, fare foto, ecc. E’ l’ideale per le persone che non sanno come vivere senza smartphone, molti ovunque si trovino non possono stare senza Facebook, Twitter, WhatsApp o Instagram. La dipendenza dalla tecnologia è un problema serio, può portare alla nomofobia. La soluzione a quanto pare è stata trovata

Nophone pratico smartphone per “scollegarsi” dalla nomofobia
Il comfort, la serenità e la pace può arrivare solo con il nophone, è facile immaginare il perché: è un cellulare di plastica, non può inviare messaggi o effettuare chiamate, e tanto meno può prendere selfies o modificare il proprio stato su Facebook.
Il nophone è un cellulare “carente” di tutto ma agisce come un sostituto per qualsiasi dispositivo mobile intelligente, permette di tenere in mano un rettangolo di plastica morbida e fredda, simula il peso esatto e le dimensioni del cellulare per alleviare i sentimenti generati dalla mancanza di un vero smartphone. La nomofobia colpisce più uomini (58%) che donne (48%).
Recenti ricerche hanno evidenziato che in tutto il mondo più della metà dei proprietari di gadget (53 per cento) soffrono di ansia quando non possono usare i loro cellulari e trovano stressante (come un viaggio dal dentista o addirittura il proprio giorno delle nozze), sottoporsi a una disintossicazione tecnologica.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento