Wireless di Google, utilizzabile solo con uno dei suoi Smartphone

L’ambiziosa rete mobile di Google utilizzerà una combinazione di torri cellulari e hotspot Wi-Fi, sarà usufruibile solo con uno degli smartphone della società. Il Wall Street Journal citando fonti vicine alla società, riporta che i clienti desiderosi di provare l’imminente nuovo servizio wireless ibrido di Google dovranno utilizzare il Nexus 6 sistema operativo Android sviluppato da Google e Motorola. I clienti con un Apple iPhone o altro dispositivo Android non saranno in grado di utilizzare il servizio.
Pichai Sundararajan, conosciuto come Sundar Pichai, uomo d’affari indiano, Vice Presidente della divisione di Google, dove dirige Android, Chrome e Google Apps, questa settimana ha confermato le voci circa l’ingresso di Google nel mercato dei servizi wireless. Pichai ha detto:
«Google dovrà lavorare a fianco di un gestore di telefonia mobile per verificare il concetto di una rete che consente agli utenti di passare senza soluzione di continuità tra le torri cellulari e aperti hotspot Wi-Fi. Stiamo creando una dorsale in modo da poter fornire connettività. Lavoreremo con i vettori di tutto il mondo in modo da poter fornire servizi tramite la nostra spina dorsale».
Il Wall Street Journal ha aggiunto che il servizio wireless di Google inizierà al più presto entro la fine di marzo, salvo eventuali ritardi sempre possibili. Non è chiaro se Google sta progettando di installare nuovi hotspot Wi-Fi nei mercati in cui il servizio è disponibile, al fine di aumentare le opzioni di connettività dei clienti.
Google negli Stati Uniti attraverso il suo programma Google Fiber già fornisce la connessione Internet terrestre ad alta velocità. Google Fiber – insieme con il nuovo servizio wireless di Google, nome in codice “Project Nova” – potrebbe essere una mossa da parte di Google per innovare rapidamente i vettori esistenti.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento