L’Italia sta accogliendo più migranti di quanti possa gestire, causando enormi problemi sociali

Papa Francesco vuole che sia data accoglienza ai migranti, in qualunque caso non possiamo ignorare le scioccanti statistiche. Le notizie dei media hanno reso evidente l’atteggiamento di accoglienza di Papa Francesco verso i migranti e i rifugiati, ma hanno dedicato molta meno attenzione ai suoi avvertimenti su cosa può accadere quando un paese accoglie più migranti di quanti possa gestire, in particolare il pericolo della “ghettizzazione”.
«Qual è il pericolo quando un rifugiato o un migrante non è integrato?», Papa Francesco lo chiese durante una sua conferenza stampa sul volo di ritorno dalla Svezia a Roma nel novembre 2016. Rispose: «E’ ghettizzato, cioè entra in un ghetto. E una cultura che non si sviluppa in relazione con un’altra cultura, ed è pericoloso».
L’Italia è un esempio calzante, la nazione è in prima linea nella crisi dei migranti in Europa. Lungo la penisola italiana è sorto un intero “arcipelago” di ghetti d’immigrati, ospita una rilevante porzione delle centinaia di migliaia di migranti, per lo più africani che negli ultimi tre anni sono entrati in Italia.
L’immigrazione in Italia nel 2017 ha rappresentato il 64 per cento dell’immigrazione totale in Europa, quasi tutti questi migranti sono rimasti in Italia piuttosto che spostarsi verso nord, in gran parte a causa dei controlli più severi alle frontiere dell’Italia settentrionale con Francia, Svizzera e Austria. Invece di integrarsi nella società italiana, queste centinaia di migliaia di migranti si sono radunate in “campi” e quartieri che assomigliano sorprendentemente ai ghetti contro i quali Papa Francesco ha messo in guardia.
I pericoli dei ghetti non si limitano alla minaccia molto reale del crimine o della violenza che alcuni migranti rappresentano per i cittadini, sono un grave pericolo per gli stessi migranti, spesso vittime di sfruttamento, violenza e persino schiavitù.
Yvan Sagnet e Leonardo Palmisano nel loro libro “Ghetto Italia” pubblicato nel 2016, hanno documentato in modo raccapricciante la situazione in cui vivono attualmente migliaia di migranti ghettizzati in Italia, dove i loro diritti umani più elementari sono sistematicamente calpestati e dove l’integrazione nella popolazione autoctona non è realmente un’opzione possibile.
Consideriamo i paesi da cui provengono. La Nigeria svolge un ruolo chiave nell’approvvigio-namento di prostitute in Italia, spesso attraverso l’inganno e la minaccia di violenze. Attualmente, la metà delle prostitute che lavorano in Italia sono nigeriane, circa l’80% delle donne nigeriane che migrano verso l’Italia, finiscono nella prostituzione: dal 2014 al 2016, oltre 12.000 ragazze e donne nigeriane sono arrivate in Italia, di queste, quattro su cinque sono finite nella prostituzione.
In un mondo sempre più radicalizzato, si tende a ricorrere alle accuse di xenofobia e razzismo non appena sono sollevate obiezioni all’immigrazione di massa, ma, come in molti altri ambiti della vita umana, semplifichiamo eccessivamente le cose. Gli aggettivi “a favore dell’immigrazione” e “contro l’immigrazione” non rendono giustizia alla complessità della situazione.
Il Papa ha offerto preziosi punti di riferimento per un dibattito razionale sull’immigrazione. Spetta alle persone di buona volontà andare di là dalle chiamate e dei rilievi per lavorare a soluzioni sostenibili che promuovano il bene comune.
Non è facile comprendere da dove cominciare, ma una cosa è certa: non possiamo permetterci di ignorare le tristi statistiche.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento