Papa Francesco: i preti pedofili sono “piccoli mostri”

Papa Francesco secondo un rapporto appena pubblicato di una riunione tenutasi nel mese di novembre 2013, ha etichettato i pedofili sacerdotali come “piccoli mostri”.
Scandali di abusi sessuali hanno afflitto la Chiesa cattolica per decenni (secoli?), la mancanza di azione da parte di funzionari della chiesa è stata una fonte di rabbia in tutto il mondo perché invece di consegnare immediatamente alla polizia i noti pedofili, i “piccoli mostri” semplicemente sono mandati in una nuova città o addirittura in un paese, dove avrebbero continuato ad abusare di bambini. E’ stato suggerito che una delle ragioni per cui la Chiesa cattolica ha tanti degenerati è perché li protegge, consente ai predatori di agire indisturbati. La reputazione della Chiesa a causa di questo, nel corso degli anni è stata gravemente danneggiata, Papa Francesco ha compiuto grandi passi avanti per porre rimedio.
Papa Francesco ha già scosso il mondo della destra religiosa condannando apertamente la ricerca della ricchezza, la corruzione finanziaria e la persecuzione degli omosessuali. Papa Francesco anche per aver preso una seria posizione sull’abuso sessuale della Chiesa e non solo, potrebbe passare alla storia come l’uomo che ha restaurato la chiarezza morale della Chiesa.
I “piccoli mostri” indicati da Papa Francesco non sono solo i predatori sessuali ma anche quelli del “clericalismo”, persone che entrano nel mondo della Chiesa non per una chiamata del Signore ma per fare carriera. La chiesa è abbastanza ricca, un funzionario di alto rango, come il “Vescovo di Bling”, può vivere come un re.
Il Papa nei suoi interventi è stato diretto, nel citare la linea dura di Papa Benedetto XVI ai sacerdoti che commettono abusi sessuali, ha detto:
«E’ un “enorme problema” accettare nel Seminario qualcuno che è già stato allontanato da un altro istituto religioso. Non sto parlando di persone che si riconoscono peccatori: siamo tutti peccatori, ma non siamo tutti corrotti. I peccatori sono accettati, ma non le persone che sono corrotte.
E’ comprensibile che la Chiesa, definita come idea di perdono, abbia cercato di dare anche al più nocivo degli esseri umani una seconda possibilità, ma c’è chiaramente una linea che non può essere oltrepassata quando un sacerdote vittimizza decine di bambini».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento