Bitcoin entro la fine dell’anno utilizzerà lo 0,5% dell’elettricità mondiale

Il nuovo studio riporta che Bitcoin, una delle più popolari criptovalute online, entro la fine di quest’anno potrebbe consumare circa lo 0,5% dell’elettricità totale mondiale.
Alex de Vries economista finanziario e specialista blockchain nel primo articolo rigorosamente sottoposto a peer-review (indica la procedura di selezione degli articoli o dei progetti di ricerca proposti da membri della comunità scientifica, compiuta attraverso una valutazione esperta da parte di specialisti del settore per verificarne l’idoneità alla pubblicazione scientifica su riviste specializzate), per quantificare il fabbisogno energetico di Bitcoin, ha utilizzato una nuova metodologia, individua, dove si dirigono i consumi di energia elettrica di Bitcoin e dove potrebbero arrivare.
Bitcoin utilizza un sistema di proof-of-work (una misura economica per scoraggiare attacchi denial of service – negazione di servizio -, e altri abusi come spam sulla rete), generalmente soprannominato bitcoin mining, premia i minatori con frazioni della valuta criptata. Che cosa fa il minatore? Il minatore si occupa di convalidare i pagamenti e di pacchettizzarli in un gruppo che è chiamato “Blocco”, il quale solitamente contiene i pagamenti accumulati negli ultimi 10 minuti.
Il minatore quando un blocco è completato lo rende pubblico trasmettendolo a tutti i nodi della rete Bitcoin, i quali dopo aver verificato che è conforme alle regole, lo aggiungono alla propria copia della Blockchain. In poche parole, ogni 10 minuti alla blockchain è aggiunto un blocco. Ma quand’è che un blocco è completato? E come fanno più “minatori” a lavorare contemporanea-mente? Semplice: i minatori sono in competizione tra loro e vince chi è più veloce!
Il processo utilizza potenti computer per risolvere complessi problemi di calcolo, un’attività che è per sua natura ad alta intensità energetica.La stima esatta della quantità di elettricità che la rete Bitcoin consuma, necessaria per comprendere il suo impatto e per attuare la politica, rimane una sfida.
Alex de Vries lavora presso l’Experience Center di PwC nei Paesi Bassi ha detto:
«Abbiamo visto un grande numero di calcoli, ora abbiamo bisogno di una discussione più scientifica sulla direzione da prendere per quest’attività di rete. Le informazioni disponibili al momento sono generalmente di scarsa qualità, quindi spero che le persone utilizzeranno questo documento come base per ulteriori ricerche».
Le stime di Alex de Vries, basate sull’economia, indicano che l’utilizzo minimo attuale della rete Bitcoin è di 2,55 gigawatt, il che significa che consuma quasi la stessa quantità di energia elettrica dell’Irlanda.
La singola transazione utilizza la stessa quantità di elettricità utilizzata in un mese da una famiglia media nei Paesi Bassi. Entro la fine di quest’anno, Alex de Vries prevede che la rete potrebbe utilizzare fino a 7,7 gigawatt – tanto quanto l’Austria, in altre parole il mezzo punto percentuale del consumo totale mondiale.
Alex de Vries ha aggiunto:
«Per me, mezzo punto percentuale è già abbastanza scioccante. Si tratta di una differenza estrema rispetto al sistema finanziario normale, quest’aumento della domanda di elettricità non ci aiuterà sicuramente a raggiungere i nostri obiettivi climatici. Se il prezzo del Bitcoin continuerà ad aumentare come previsto da alcuni esperti, ritengo che un giorno la rete potrebbe consumare il 5% dell’elettricità mondiale. Ciò sarebbe piuttosto grave».
Il cancelliere britannico Philip Hammond nel gennaio 2018, nel timore che potrebbero perturbare l’economia mondiale, si è pronunciato a favore dell’ordinamento delle criptovalute. Bitcoin – e altre monete associate come Ethereum e Ripple – da allora hanno perso valore. Bitcoin alla fine dello scorso anno aveva raggiunto quasi 20.000 dollari per moneta, prima di scendere al suo valore attuale di 8.000 dollari.
Il successivo calo del 40 per cento della domanda di schede grafiche, l’hardware più importante per le operazioni minerarie, suggerisce che le attività minerarie si sono raffreddate dopo la crisi dei prezzi, potrebbero ridurre anche il consumo di elettricità da parte della rete.
Mentre molti esperti prevedevano che la bolla della criptovaluta sarebbe scoppiata completamente, il valore di Bitcoin è rimasto relativamente costante negli ultimi mesi, dando credito all’idea che per il momento la moneta elettronica è qui per rimanere.
I principi economici suggeriscono che l’intera rete Bitcoin alla fine raggiungerà un equilibrio in cui i costi dell’hardware e dell’elettricità utilizzati per estrarre saranno pari al valore del Bitcoin estratto.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento