La celiachia potrebbe essere curata ripristinando la tolleranza immunitaria alla gliadina

La celiachia colpisce lo 0,3-2,4% delle persone nella maggior parte dei paesi del mondo e circa il 2% in Finlandia. I pazienti celiaci soffrono di una varietà di sintomi, in genere disturbi intestinali, come la diarrea, ma sono spesso privi di sintomi. L’immunologo Tobias Freitag in collaborazione con l’industria ha co-sviluppato e testato nanoparticelle contenenti gliadina per il trattamento immunomodulatore della celiachia nel gruppo di ricerca del professor Seppo Meri all’Università di Helsinki.
Il glutine è il nome delle proteine di conservazione contenute in grano, orzo e segale, una frazione di glutine solubile in alcool dal grano si chiama gliadina. I pazienti dopo aver acquisito la celiachia, non possono più tollerare diete a base di cereali contenenti glutine senza sviluppare segni di malattia, ad esempio la perdita di villi nella mucosa intestinale.
Le ragioni esatte che possono spiegare perché alcune persone sviluppano la celiachia sono sconosciute, ma solo il 30-40% circa della popolazione è a rischio di sviluppare la celiachia, in conformità a predisposizioni genetiche identificate; queste predisposizioni possono portare alla perdita della tolleranza immunitaria alla gliadina durante l’infanzia, l’adolescenza o l’età adulta.
La perdita di tolleranza alla gliadina è causata da un fallimento nella regolazione dei linfociti T specifici della gliadina all’interno del sistema immunitario, portando alla distruzione della mucosa intestinale. L’unico trattamento disponibile per la celiachia è la dieta senza glutine per tutta la vita; la speranza è che le nanoparticelle contenenti gliadina potrebbero consentire ai pazienti affetti da celiachia di mangiare nuovamente una dieta normale.
Gli scienziati in un progetto di collaborazione guidato dall’immunologo Tobias Freitag (lavora nel gruppo di ricerca del Professor Seppo Meri nell’ambito del Programma di ricerca sull’immunologia traslazionale presso l’Università di Helsinki), hanno sviluppato e testato nanoparticelle contenenti gliadina per il trattamento immunomodulatore della celiachia: quando iniettato nel sangue dei topi in tre diversi modelli di celiachia, le nanoparticelle di gliadina 500nm assorbibili, sferiche (Timp-Glia) riducono significativamente i marcatori di attivazione delle cellule T specifiche della gliadina, infiammazione e danni ai tessuti.
Il trattamento con nanoparticelle di gliadina ha anche indotto profili di espressione genica associati alla tolleranza immunitaria. I risultati supportano l’idea che potrebbe essere possibile “riprogrammare” il sistema immunitario nei pazienti celiaci e istruire i linfociti T a tollerare nuovamente il glutine. Tutto ciò se con pazienti celiaci comporterà una mancata risposta clinica alla dieta contenente glutine, il trattamento con Timp-Glia potrebbe portare alla cura della celiachia. I pazienti saranno in grado di mangiare di nuovo cibo normale senza conseguenze dannose.
Il progetto relativo alle nanoparticelle di gliadina dell’Università di Helsinki è stato condotto in collaborazione con la Cour Pharmaceutical Development Company, Inc. La Takeda Pharmaceuticals da allora ha acquisito una licenza per lo sviluppo di Timp-Glia. I risultati preclinici sui topi sono stati ora pubblicati sulla rivista scientifica Gastroenterology. Nanoparticelle simili possono anche essere sviluppate per il trattamento di altre malattie autoimmuni, ad esempio diabete, sclerosi multipla o narcolessia. Tuttavia, ciò è subordinato alla condizione che sia noto il fattore che provoca la malattia.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →