Incredibile idea: perché non sfruttare la combustione dei corpi per produrre calore?

 Al via il progetto pilota del crematorio inglese di Dukinfield

Il Dukinfield Crematorium vicino a Manchester, Inghilterra, ha introdotto l’idea di utilizzare il calore prodotto dalla combustione dei corpi, per mantenere al caldo, parenti ed amici,  durante le operazioni di cremazione.
I funzionari del Consiglio del crematorio hanno affermato che il piano di "riutilizzare l’energia emessa dalla combustione deii corpi", ridurrebbe la quantità d’emissioni di biossido di carbonio, un bene ecologico per l’impatto ambientale.

Il calore generato dalla combustione dei corpi, può essere sufficiente per alimentare la caldaia e la luce della cappella.
L’idea ha già ricevuto il consenso degli uomini di Chiesa. Il Reverendo Tim Hayes della St. John’s  Church,  ha detto:
"Non ho alcun problema con il progetto perché quelli del crematorio trattano le persone con vera dignità, la procedura stessa è un processo molto scientifico. Sarà molto interessante vedere come si evolverà il progetto".
Il Reverendo Dr. Vernon Marshall della Vecchia Cappella, l’ha definito: "ultimo atto di generosità", che è "un bel modo per i morti di fornire comfort ai vivi ( parenti ed amici), in un momento difficile della loro vita".
Liberamente tradotto da
Arcamaxedi

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

5 thoughts on “Incredibile idea: perché non sfruttare la combustione dei corpi per produrre calore?

  1. mah..se facessero un giro a Napoli, coi termovalorizzatori da costruire?

    Ciau Patti..

Lascia un commento