Il testosterone potrebbe proteggere dall’infiammazione

Il nuovo studio sui topi pubblicato su Nature, suggerisce che il testosterone potrebbe proteggere dall’infiammazione. I ricercatori hanno scoperto che la somministrazione di un semplice farmaco antinfiammatorio come l’ibuprofene a topi in gravidanza può aumentare il tasso di sopravvivenza negli embrioni.
Il corpo durante la gravidanza cambia in diversi modi per proteggere prima l’embrione e poi il feto mentre la gravidanza progredisce, per esempio, l’infiammazione nel corpo della madre è spesso soppressa, così che gli effetti collaterali non causano alcun danno. Tuttavia, non si sa molto sulle conseguenze dell’infiammazione materna e fetale durante la gravidanza.
L’infiammazione è il processo naturale attraverso il quale il corpo risponde alle ferite e alle infezioni, preoccupa ma in realtà è un processo essenziale associato alla guarigione. Le ferite senza l’infiammazione come risposta fisiologica peggiorerebbero e potrebbero diventare letali.
L’infiammazione può anche essere innescata da una percepita minaccia interna, anche quando non c’è una malattia da combattere o una ferita da guarire, di per sé può causare problemi.

Danni al DNA causati dall’infiammazione
I danni al DNA sono una causa ben nota d’infiammazione. John Schimenti e colleghi della Cornell University hanno voluto indagare come le mutazioni del DNA (che hanno causato la replicazione e la riparazione del DNA difettoso durante lo sviluppo embrionale) influenzano i tassi di sopravvivenza degli embrioni di topi. Hanno scoperto che, in media, gli embrioni maschili hanno maggiori probabilità di sopravvivere rispetto agli embrioni femminili. I ricercatori sospettano che la causa di questo è il testosterone, può agire come un comune antinfiammatorio.
I ricercatori per confermare questa teoria hanno somministrato ibuprofene in topi gravidi, un farmaco antinfiammatorio non steroideo (Fans): dopo questo trattamento, i tassi di sopravvivenza sia per i maschi sia per le femmine erano uguali, confermando la teoria.

Testosterone per trattare l’infiammazione
Il testosterone è il principale ormone sessuale maschile. Spesso è anche visto come la principale causa per l’aggressione maschile, in effetti, l’ormone interagisce in numerosi complessi modi con il corpo maschile.
E’ questa la prima volta che il testosterone è stato evidenziato come un potenziale metodo per trattare l’infiammazione. Studi precedenti dal 2013 fino al 2019 hanno evidenziato risultati coerenti.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →