I composti estratti dall’ambrosia potrebbero proteggere le cellule nervose dall’Alzheimer

Molte persone con l’arrivo della primavera nell’emisfero settentrionale maledicono l’ambrosia, principale responsabile delle allergie stagionali. Gli scienziati come riportato nello Journal of Natural Products di ACS, potrebbero aver scoperto un nuovo impiego promettente per alcune sostanze prodotte dalla fastidiosa erbaccia, hanno identificato e caratterizzato i composti dell’ambrosia, potrebbero aiutare le cellule nervose a sopravvivere alla presenza di peptidi della malattia di Alzheimer (AD).
Gli scienziati hanno collegato l’Alzheimer (demenza degenerativa a lenta evoluzione) all’accumulo di peptidi di amiloide-β (Aβ) nel cervello, formano placche che uccidono le cellule nervose. I sintomi più evidenti per le persone con Alzheimer, sono il declino progressivo di capacità intellettive come memoria, orientamento e linguaggio, alterazioni del comportamento e perdita totale o parziale dell’autonomia.
I cinque farmaci in questo momento approvati per il trattamento dell’Alzheimer, sfortunatamente solo per un breve periodo ritardano la progressione della malattia. I ricercatori Won Keun Oh e colleghi in uno studio preliminare, nell’esaminare 300 estratti di piante naturali per attività contro l’Alzheimer, hanno trovato un candidato sorprendente: l’Ambrosia artemisiifolia (ambrosia), erba invasiva, originaria del Nord America, si è diffusa anche in Sud America, Asia e gran parte dell’Europa.
Won Keun Oh e colleghi hanno deciso di isolare e caratterizzare le strutture dei composti di ambrosia responsabili di quest’attività neuroprotettiva. Hanno isolato 14 composti di piante di ambrosia intera che sembravano proteggere i neuroni dalla tossicità indotta da Aβ (vedi immagine).
L’estratto di EtOH al 70% di piante intere di Ambrosia artemisiifolia (ambrosia comune) è stato selezionato dopo la proiezione di una libreria di estratti naturali. Sette nuovi glicosidi di tipo eudesmano (1 – 7) e sette composti noti (8 – 14) sono stati ottenuti attraverso il frazionamento guidato da bioattività dalle parti aeree di questa pianta. Le loro strutture sono state determinate sulla base dei loro spettri di risonanza magnetica nucleare, analisi di spettrometria di massa a ionizzazione elettrospray ad alta risoluzione e calcoli di dicroismo circolare elettronico (vedi immagine).
Tra questi, composti 1, 2, 4 – 6, 8, 9, 11, 13 e 14 ha mostrato effetti protettivi contro la citotossicità indotta da Aβ in cellule HT22 transfettate con Aβ 42. I composti più attivi, 5 e 6, hanno esibito un’attività protettiva moderata dose-dipendente (10, 20 e 40 μM).
I ricercatori quando hanno aggiunto i due nuovi composti più attivi a un piatto di laboratorio che conteneva i neuroni che producono Aβ, circa il 20% di cellule in più è sopravvissuto senza trattamento.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →