Biosensore di grafene potrebbe diagnosticare precocemente il cancro ai polmoni

Il grafene è un supermateriale potrebbe contenere la chiave per avviare la prossima generazione di diagnosi avanzata di cancro al polmone in fase iniziale.
Il team di scienziati dell’Università di Exeter ha sviluppato una nuova tecnica, utilizza un biosensore basato sul grafene molto sensibile in grado di rilevare le molecole dei più comuni biomarcatori del cancro al polmone.
Il nuovo biosensore potrebbe rivoluzionare i dispositivi elettronici esistenti, identificano componenti specifici di una determinata miscela di vapore – ad esempio il respiro di una persona – e ne analizza la composizione chimica per identificare la causa.
Il dispositivo di nuova concezione, a detta dei ricercatori, potenzialmente è in grado di identificare in anticipo specifici marcatori del cancro al polmone in un modo conveniente e riutilizzabile, il che lo rende conveniente e molto vantaggioso per i fornitori di servizi sanitari di tutto il mondo.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nanoscale della Royal Society of Chemistry’s.
Ben Hogan, ricercatore dell’Università di Exeter, coautore della ricerca ha spiegato:
«Tra i nuovi biosensori che abbiamo sviluppato il grafene, ha un potenziale significativo per l’uso come elettrodo nei dispositivi “e-nose” (naso elettronico), per la prima volta, abbiamo dimostrato che il grafene con un adeguato modello per i biomarcatori può essere utilizzato come rivelatore specifico, selettivo e sensibile».
La ricerca a livello globale di nuove tecniche praticabili per individuare con precisione il cancro ai polmoni in fase iniziale è una delle maggiori sfide sanitarie. Sebbene si tratti di uno dei tumori più comuni e aggressivi, ogni anno in tutto il mondo uccide circa 1,4 milioni di persone, la mancanza di sintomi clinici nelle sue fasi iniziali significa che molti pazienti sono diagnosticati solo nella fase finale, il che rende difficile la cura.
Ora per la diagnosi precoce del carcinoma polmonare non esistono metodi di screening economici, semplici o ampiamente disponibili. Il team usando il grafene multistrato, crede che gli attuali dispositivi e-nose possano trasformare le tecniche diagnostiche del respiro e migliorare i risultati per il trattamento del cancro del polmone.
Ben Hogan in conclusione ha detto:
«Riteniamo che con l’ulteriore sviluppo dei nostri dispositivi, un test del respiro economico, riutilizzabile e preciso per la diagnosi precoce del cancro del polmone possa diventare una realtà».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →