Il riso sta perdendo il suo valore nutrizionale a causa dell’aumento dei livelli di CO2

Il nuovo studio riportato su Science Advances indica che l’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera a causa dell’attività umana sta abbassando il valore nutrizionale del riso. Il riso dopo il grano è la seconda coltura alimentare più importante nei paesi in via di sviluppo, oltre due miliardi di persone in Asia e centinaia di milioni in Africa e America Latina per il fabbisogno calorico giornaliero dipendono dal riso. Si stima che esistano oltre 40.000 varietà di riso coltivato (quasi tutto il riso coltivato nel mondo appartiene alla specie Oryza sativa, graminacea della tribù delle Oryzeae).
Il riso è anche un’importante fonte di proteine e vitamine, per questa ragione le ultime scoperte dei ricercatori dell‘Università di Tokyo sono così preoccupanti. I loro esperimenti suggeriscono che l’aumento dei livelli di CO2 nell’atmosfera sta riducendo il valore nutrizionale del riso, in particolare ferro, zinco, proteine e vitamine B1, B2, B5 e B9.
Il team di ricercatori ha coltivato riso in siti in Cina e Giappone utilizzando un metodo a campo aperto chiamato Face (arricchimento di CO2 in aria libera). Il professor Kazuhiko Kobayashi e colleghi dell’Università di Tokyo ha deciso di coltivare il riso in un campo aperto perché le piante allevate in campo in una serra chiusa non crescono come in condizioni normali. L’aria con concentrazioni più elevate di anidride carbonica, come prevista nella seconda metà di questo secolo (da 568 a 590 parti per milione), è stata soffiata attraverso tubi ottagonali di plastica larghi 17 metri a circa 30 centimetri sopra le cime delle piante all’interno di campi di riso standard.
I ricercatori in totale hanno analizzato 18 diverse varietà di riso per i livelli di proteine, ferro e zinco. Nove varietà di riso coltivate in Cina sono state utilizzate per le analisi di vitamina B1, B2, B5 e B9.
I due esperimenti Face hanno offerto un’opportunità unica per indagare su come il raccolto si adegua alle altezze prevedibili di CO2 nell’atmosfera. I ricercatori giapponesi come con qualsiasi altro esperimento scientifico, hanno dovuto superare alcune sfide, compresa la presenza di “ospiti non invitati”. Il professor Kazuhiko Kobayashi ha detto:
«Gli esperimenti unici hanno attratto altre specie, un esempio sono stati i procioni. Abbiamo fatto l’esperimento Face nei campi dei contadini, dove abbiamo installato i tubi di plastica per campionare l’aria dal campo e misurare le concentrazioni di CO2 nei lotti sperimentali. I procioni uscivano di notte dalle montagne vicine, testavano la forza dei loro denti contro i tubi di plastica. Alla fine mettendo a repentaglio il nostro esperimento sono riusciti a tagliare i tubi di campionamento dell’aria, finiti nel campo di riso allagato dall’acqua. Abbiamo dovuto alzare le valvole più in alto della loro portata. Le maggiori concentrazioni di CO2 nei lotti sperimentali hanno attirato anche insetti ematofagi (succhiatori di sangue), che abbiamo dovuto combattere mentre lavoravamo nei campi».
Poco si sa sui meccanismi responsabili del declino delle concentrazioni di nutrienti associati a elevata CO2. Alcuni autori hanno proposto la “diluizione dei carboidrati” per cui la produzione di carboidrati, stimolata dalla CO2 da parte delle piante diluisce il resto dei componenti del grano; gli studi, fino a ora sono stati inconcludenti, ciò che è certo è che sta accadendo.
Il riso così importante in molti paesi è diventato sinonimo di cibo. La parola “riso” in cinese è la stessa per dire “cibo”, in Thailandia quando è ora di pranzo, dicono “è ora di mangiare il riso”. La parola “riso cotto” in Giappone è la stessa del termine utilizzato per dire “pasto”.
I giapponesi basandosi solo sul 20% circa dell’apporto calorico giornaliero derivante dal raccolto, ora non consumano più riso come accadeva negli anni ’60. Tuttavia, le persone in Bangladesh, Cambogia, Indonesia, Repubblica Democratica Popolare del Laos, Myanmar, Vietnam e Madagascar che ricevono dal riso almeno il 50% delle loro calorie e proteine sono i più vulnerabili ai minori contenuti nutrizionali.
La carenza di zinco già responsabile di circa 800.000 morti tra i bambini minori di cinque anni, può seriamente aggravare condizioni mediche quali diarrea, polmonite e malaria, mentre la carenza di ferro è la causa principale dell’anemia, una condizione che in tutto il mondo contribuisce a circa uno su cinque morti materne. Il professor Kazuhiko Kobayashi ha aggiunto:
«La nostra scoperta ha dimostrato un altro motivo per cui dobbiamo essere preoccupati per la nutrizione per le fasce più povere della popolazione nei paesi meno sviluppati; qualsiasi misura volta a migliorare la loro alimentazione attenuerebbe efficacemente gli effetti negativi del contenuto nutrizionale inferiore alla presenza di un livello più elevato di CO2. Le misure potrebbero essere più efficaci in termini di migliori varietà di riso, ma devono essere mirate alla popolazione di riferimento».
I paesi in via di sviluppo con il continuo aumento della popolazione mondiale, non solo dovranno coltivare più riso e migliorarne la resa, ma dovranno trovare anche il modo di compensare il valore nutrizionale più basso delle colture. Naturalmente il problema non riguarda solo il riso, studi precedenti hanno rilevato che l’aumento dei livelli di anidride carbonica nell’atmosfera riduce il valore nutrizionale di altre colture di base, come il grano o la soia. Il professor Kazuhiko Kobayashi in conclusione ha detto:
«Questa è una delle molteplici sfide del cambiamento climatico dovute alla produzione di energia basata sulla combustione di combustibili fossili. Noi, avendo pochi problemi con i cereali meno nutrienti, perché prendiamo le sostanze nutritive da altri alimenti, nei cosiddetti paesi sviluppati, sfruttiamo le energie dei combustibili fossili. D’altro canto, gli abitanti dei paesi meno sviluppati per il loro apporto di nutrienti dipendono dai cereali, risentirebbero delle variazioni del valore nutritivo. E sono molto meno responsabili del cambiamento climatico di quanto non lo siamo noi a livello individuale. Credo che ciò sia davvero vergognoso per noi».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Notify via Email Only if someone replies to My Comment