Controtendenza: gli uomini potrebbero vivere più a lungo delle donne

Il divario tra l’aspettativa di vita maschile e femminile, secondo una proiezione dell’Ufficio Nazionale di Statistica, si sta riducendo, gli uomini potrebbero raggiungere le donne entro il 2030.
Il Prof. Les Mayhew, esperto di statistica alla Cass Business School, ha analizzato i dati della speranza di vita in Inghilterra e Galles. I risultati mostrano che l’aspettativa di vita degli uomini, per decenni, molto indietro a quella delle donne, ora comincia a ridurre il divario.
Il Prof Mayhew, se le tendenze attuali continuano, per il 2030 prevede l’aspettativa di vita di ottantasette anni per entrambi i sessi.
Ha detto: “Quello che è interessante in questo momento è che negli ultimi venti anni o giù di lì, l’aspettativa di vita maschile è aumentata di circa sei anni. L’uomo, con questo passo, nei prossimi venti anni riuscirà a colmare il divario che lo separa dall’aspettativa di vita femminile.
Il motivo di questa risalita da parte degli uomini potrebbe dipendere da due fattori come lo stile di vita più sano, prevalentemente legato a un minor consumo di tabacco e alle condizioni di lavoro migliori: nel 1920, l’80% degli uomini fumava, adesso la percentuale è in forte calo; nei decenni precedenti, milioni di uomini erano occupati in lavori pericolosi come l’estrazione del carbone.  Ora, il calo dei fumatori e la riduzione del lavoro nelle miniere di carbone, per la salute degli uomini ha significato una migliore aspettativa di vita.
La percentuale in positivo è data anche dalle persone con malattie cardiache, che è più comune negli uomini, ora può aspettarsi di vivere molto più a lungo di quanto fosse possibile in precedenza. Le donne, al contrario, anche se hanno iniziato a fumare più tardi degli uomini, vedono le loro percentuali di cancro al polmone in aumento, mentre per gli uomini sono in rapida diminuzione.
Lo studio del Prof. Les Mayhew,  riguarda le persone che hanno già raggiunto i trent’anni, sotto questa fascia d’età, l’aspettativa di vita continua a essere favorevole per il sesso femminile perché  nel primo anno di vita, statisticamente, muoiono più bambini, e nel crescere, i ragazzi,  sono più propensi a praticare sport pericolosi o ad essere coinvolti in incidenti mortali.
Il Prof. David Leon della London School of Hygiene e Tropical Medicine, ha detto:
“In quasi tutti i paesi del mondo, le donne hanno ancora un leggero vantaggio, tuttavia il divario si è definitivamente azzerato in alcune zone del mondo. Paesi con bassi livelli di aspettativa di vita, come ad esempio nell’Africa sub-sahariana, hanno mostrato poca differenza tra i sessi. Ciò è dovuto alla prevalenza delle malattie infettive che interessano indistintamente uomini e donne.
In paesi che hanno sconfitto la maggior parte delle malattie infettive, come ad esempio in Europa orientale, la differenza dell’aspettativa di vita è molto marcata, per lo più dominata da fattori di stile di vita. In Russia,  a un certo punto nel 1990, il divario dell’aspettativa di vita tra uomini e donne ha raggiunto i tredici anni.
In paesi come il Regno Unito, il divario dell’aspettativa di vita sta cominciando a ridursi perché gli uomini tendono a comportamenti di vita più sani, mentre le donne propendono per stili di vita meno femminili con maggior consumo di fumo e alcol“.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento