Colla chirurgica salvavita può guarire le ferite in soli 60 secondi

Ingegneri biomedici americani e australiani nel tentativo di eliminare i problemi  collegati alla chiusura di una ferita con metodi convenzionali, hanno sviluppato una colla chirurgica salvavita, molto elastica e adesiva, rapidamente sigilla le ferite senza la necessità di graffette o suture, potrebbe cambiare i metodi d’interventi chirurgici.
La colla, denominata MeTro, è basata su una proteina ibrida-elastica, può essere applicata a ferite interne ed esterne o difficili da raggiungere, per sigillarle in soli 60 secondi, aiutando a velocizzare il processo di guarigione, più rapidamente dei sigillanti convenzionali come l’applicazione di punti.
La colla chirurgica sebbene sia stata testata solo su roditori e suini (ha sigillato rapidamente e con successo incisioni nelle arterie e nei polmoni dei roditori e nei polmoni dei suini senza bisogno di suture e graffette), ha convinto gli ingegneri che lavorano sull’innovativa invenzione a credere che possa ridefinire radicalmente gli interventi di emergenza mediante sigillatura delle ferite sulla pelle o sui tessuti del corpo anche quando sono sempre in espansione e rilassamento con il rischio di riaprirsi come per i polmoni, cuore e arterie.
I risultati dettagliati dei loro studi sugli animali sono stati descritti in un documento pubblicato su Science Translational Medicine.
Le applicazioni previste per questa colla chirurgica non sono limitate solo agli ambulatori ospedalieri, una volta sviluppata e testata sull’uomo, potrebbe essere utilizzata come soluzione istantanea per sigillare in loco gravi ferite dopo incidenti o in zone di guerra.

Come funziona la colla chirurgica MeTro?
MeTro una volta applicata su una ferita aperta, si solidifica in forma di gel, riempiendo l’area della ferita, conformandosi alla sua forma. La colla chirurgica poi, per essere stabilizzata e sedimentata nella ferita è trattata con luce ultravioletta.
Nasim Annabi, autore principale dello studio, ha anche supervisionato l’applicazione del nuovo sigillante in varie condizioni cliniche, ha detto:
«La luce ultravioletta permette che il sigillante sia posto in modo molto preciso, strettamente legato e bloccato con strutture sulla superficie del tessuto. La colla chirurgica è trattata con un enzima permette di degradarsi una volta che la ferita sigillata ha avuto tempo sufficiente per guarire. E’ da notare che l’enzima per il tipo di ferita può essere modificato per durare per un paio di ore o per diversi mesi».
Il professor Anthony Weiss, altro membro del team di ricerca, confrontando l’applicazione di MeTro con il processo utilizzato per sigillare le maioliche con prodotti al silicone, ha detto:
«MeTro risponde bene biologicamente, s’interfaccia strettamente con il tessuto umano per favorire la guarigione, può essere spruzzato direttamente su una ferita».
Ora il team di ricerca si sta orientando per la sperimentazione umana, con l’obiettivo di utilizzare commercialmente la colla chirurgica in applicazioni cliniche.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento