I codici genetici di topi, pidocchi e scarafaggi sono stati alterati dalla vita nella grande città

Il processo di revisione e analisi dell’articolo “Evoluzione della vita negli ambienti umani” pubblicato su Science ha evidenziato che geneticamente i pidocchi, topi e scarafaggi, sono diventati più resistenti alle sostanze chimiche che dovrebbero ucciderli.
I cambiamenti genetici possono avvenire in diversi modi, l’ambiente nella selezione naturale determina quali caratteristiche rendono un organismo in grado di sopravvivere e trasferire i propri geni alla successiva generazione: avvengono anche mutazioni casuali che possono essere influenzate dall’urbanizzazione.
Gli esseri umani non solo rimodulano l’ambiente intorno a loro, portano con sé pesticidi e inquinamento: alcune di queste condizioni possono aumentare la probabilità di nuove mutazioni o introdurre ulteriori pressioni sugli animali che vivono nella zona.
L’architettura di base delle città può influenzare il modo in cui definiamo la popolazione. Nuove strade o edifici possono dividere le specie animali, portando gli individui che si trovano su un lato di una barriera a diventare geneticamente più simili tra loro rispetto a quelli che si trovano sulla parte opposta; anche le pareti in un edificio possono essere abbastanza simili a una barriera. La Blatella germanica, una piccola specie di scarafaggio descritto nello studio, è nota per accoppiarsi solo con altri suoi simili che vivono nello stesso appartamento.
Metà della popolazione umana del mondo vive in aree urbane, ciò non significa necessariamente che le città stiano rendendo i nostri geni più simili a quelli dei nostri vicini. Lo studio ha evidenziato che gli animali che possono muoversi facilmente, ad esempio gli uccelli e gli umani, in genere rimangono geneticamente diversi. Comunque, come riporta una recente analisi di Brookings Institution, sembra essere rallentata la tendenza delle persone che si spostano nelle città.

Cambiamento nel codice genetico dei bambini concepiti durante la carestia
In un passato non molto lontano i cambiamenti nel nostro ambiente possono e hanno influenzato la genetica umana. Interessante lo studio che ha esaminato l’effetto genetico di una carestia nei Paesi Bassi quando i nazisti occuparono il paese durante la seconda guerra mondiale. I ricercatori hanno riscontrato lievi cambiamenti nel codice genetico dei bambini che sono stati concepiti durante la carestia. I cambiamenti, correttamente chiamati cambiamenti epigenetici, hanno influenzato il modo in cui un gene correlato alla crescita e allo sviluppo sarebbe stato trascritto.
Le popolazioni umane delle città fondate migliaia di anni fa, in media tendono a essere geneticamente più resistenti ad alcune malattie che hanno più probabilità di incontrare, come la lebbra o la tubercolosi.
E’ necessario fare più ricerca per capire meglio come le nostre città stanno cambiando noi e i parassiti con cui conviviamo.