Donald Trump presidente, ora tutti i segreti del mondo sono nelle sue mani

Dwight Eisenhower nel 1952 quando fu eletto presidente, fu informato dal presidente uscente Harry Truman di un importante segreto: gli Stati Uniti prima delle elezioni avevano testato nel Pacifico la prima bomba a idrogeno. La nazione americana possedeva un’arma di un centinaio di volte più potente che qualsiasi altra arma.
Dwight Eisenhower dopo otto anni quando consegnò le chiavi a John F. Kennedy, comunicò il suo segreto: l’America aveva in corso un piano segreto per invadere Cuba. Kennedy non approvò l’assalto, decise di non sostenere la CIA e l’esercito americano impegnate a invadere la baia dei Porci. Il tentativo di rovesciare il regime di Fidel Castro fallì, il mondo rischiò una guerra nucleare.
Il presidente degli Stati Uniti ha più accesso ai segreti ufficiali di qualsiasi altro essere umano nel paese, ha il potenziale per sapere di più sul mondo di chiunque altro sul pianeta, dal 20 gennaio 2017 la persona che ha ricevuto in consegna l’accesso a tutti quei segreti è Donald J. Trump: ogni mattina nello Studio Ovale, all’interno di una valigetta chiusa a chiave, riceverà il President’s Daily Brief (“Rapporto quotidiano del Presidente”) (PDB), un documento top secret prodotto per il presidente degli Stati Uniti, è finalizzato a fornirgli informazioni di intelligence su tutte le situazioni di politica estera che richiedono un’attenzione rilevante e un’accurata analisi, rappresentano solo un piccolo frammento dell’enorme universo top-secret di cui personalmente sarà informato.
Donald J. Trump avrà la possibilità di vedere all’interno dei programmi più sensibili e segreti gestiti dagli Stati Uniti e dei suoi alleati in tutto il mondo, compreso l’accesso a strumenti di sorveglianza, ai nomi segreti dei leader stranieri a libro paga. Saprà delle incursioni delle forze speciali, degli aerei spia, degli attacchi informatici di nuova generazione per una nuova guerra, delle decine di procedure e le leggi classificate segrete scritte dai suoi predecessori presidenziali. Egli sarà in prima linea anche per alcune situazioni banali ma importanti: in qualità di presidente, sarà uno dei soli quattro alti funzionari ad apprendere con 12 ore d’anticipo il movimento di sensibili dati economici di mercato prima di essere rilasciati pubblicamente dal Dipartimento del Lavoro.
Gli Stati Uniti hanno investito miliardi di dollari per garantire che il suo presidente possa sapere più di chiunque altro sulla Terra, una conoscenza a vantaggio del paese nei negoziati commerciali, atteggiamento militare e mille altre situazioni grandi o piccole. Finora visto il comportamento di Trump, sembra quasi assicurato che per vincere le sue battaglie personali e battaglie minori di pubbliche relazioni, utilizzerà quegli stessi segreti in modo “unpresidented” (errore di ortografia andato virale, comparso la prima volta su un tweet di Trump. E’ entrato nel frasario comune degli americani, per descrivere in modo conciso un comportamento non-presidenziale).

Donal Trump Presidente degli Stati Uniti d’America, ecco di seguito l’elenco dei segreti e poteri che potrà esercitare nel corso del suo mandato.

I poteri di Donald Trump – The Kill List (Liste degli obiettivi da eliminare)
Uno dei poteri relativamente nuovi della presidenza è la possibilità di firmare le missioni dei droni Predator e Reaper gestiti dalla CIA e il Pentagono. Barack Obama e George W. Bush anche se l’assassinio politico è vietato dall’ordine esecutivo 12333, hanno avuto ampia libertà di indicare i sospetti terroristi per essere colpiti in attacchi letali nelle aree come il Pakistan, la Somalia, lo Yemen, l’Iraq e l’Afghanistan. Il processo esatto di tali attacchi “cinetici”, mai rivelati pubblicamente in modo approfondito e non legati ad alcuna supervisione giudiziaria, saranno spiegati con dovizia di particolari al nuovo presidente. Non sapremo mai chi sarà inserito dalla nuova amministrazione nella “lista delle persone da uccidere”, non sapremo mai cosa accadrà a loro. Il presidente Donal Trump e il vice presidente sono tra il gruppo selezionato di funzionari governativi che possono, se lo desiderano, guardare i video ad alta tecnologia del drone che colpisce l’obiettivo. Bush e il vicepresidente Dick Cheney il mattino durante i loro briefing di intelligence vedevano regolarmente questi video.
Donal Trump come presidente, avrà anche il potere di offuscare ulteriormente il processo, in modo da poter modificare o espandere i micidiali poteri del comandante in capo, senza alcuna comunicazione al pubblico che le regole sono cambiate.

I poteri di Donald Trump – Covert Action (Azione segreta)
L’azione segreta utilizzata per influenzare il corso degli eventi politici, in sintesi è un’operazione di intelligence del governo, i segreti più delicati della nazione al di là top secreto occupano la propria categoria di “programmi speciali di accesso”. I SAP includono informazioni di Security Agency specifica nazionale di sorveglianza tecnologica e capacità di pirateria informatica, così come i progetti di intelligence in corso e le operazioni congiunte con gli alleati.
Obama tra i primi rapporti informativi è stato messo informato della missione Stati Uniti-Israele per disattivare il programma nucleare iraniano attraverso attacchi informatici come il malware Stuxnet.
Gli Stati Uniti non solo spiano i loro nemici, Edward Snowden ha rivelato che l’intelligence USA regolarmente ascolta le telefonate e legge le email dei funzionari stranieri, è stata intercettata anche Angela Merkel. Il Presidente Trump potrebbe ordinariamente accedere a queste informazioni.

I poteri di Donald Trump – Agenti segreti a libro paga
L’archivio oltre il top secret include i dettagli di funzionari stranieri a libro paga di agenzie come la CIA o la Drug Enforcement Administration. I pagamenti di milioni di dollari possono durare per anni. Il Presidente Jimmy Carter rimase scioccato nel scoprire che la CIA aveva pagato re Hussein di Giordania centinaia di migliaia di dollari l’anno per due decenni per garantire la sua collaborazione con gli interessi americani.
I Presidenti tradizionalmente evitano di chiedere le identità di fonti specifiche, è solo una consuetudine ma nulla toglie che Trump possa chiedere un briefing sulla gestione del libro paga. La DEA, agenzia federale antidroga statunitense impegnata a combattere il traffico di sostanze stupefacenti, lavora anche a stretto contatto con i governi stranieri, distribuisce i suoi potenti strumenti di sorveglianza. WikiLeaks, per esempio, ha informato come Martinelli il leader di Panama nel 2009 mise sotto pressione l’agenzia americana per far utilizzare il suo programma di intercettazioni, nome in codice Matador, per scoprire chi era stato “a letto con la moglie.” (L’agenzia esitò.)

I poteri di Donald Trump – Le armi nucleari
Il Presidente oltre alla “Nuclear football” (è uno dei nomi con cui è indicata una valigetta nera, trasportata da un militare, che segue il presidente degli Stati Uniti d’America in ogni spostamento dalla Casa Bianca. E’ più propriamente detta la “borsa d’emergenza del presidente”. Il contenuto della valigetta può essere utilizzato dal presidente, in caso d’emergenza, per ordinare l’uso di armi nucleari), avrà automaticamente accesso a ciò che è noto come “Q clearance” del Dipartimento dell’Energia, include i dettagli operativi del programma nucleare della nazione: dalle scorte delle armi, alle stime dei danni, le specifiche tecnologiche e regola d’accesso al “nuclear triade” la triade nucleare, l’arsenale nucleare di un certo Paese, costituito da tre componenti: terrestre, navale e aerea, in grado di sferrare una distruzione nucleare sulla nazione dei nemici in appena 30 minuti.

I poteri di Donald Trump – Satelliti spia e Aeromobili segreti
Trump di là dai segreti sepolti nei sili dei missili, riceverà aggiornamenti sulla costellazione di satelliti spia e delle tecnologie di rilevazione che guardano la Terra dall’alto, molti dei quali sono gestiti dal National Reconnaissance Office, un’agenzia di intelligence così segreta che sin dalla sua creazione nel 1960, fino al 1992, il suo stesso nome e l’esistenza erano strettamente classificati.
Ci sono anche una serie di aerei classificati con capacità uniche (tra cui un numero crescente di droni) la cui esistenza non è mai stata riconosciuta, uno di questi elicotteri, una versione Stealth del Black Hawk, è stato reso pubblico solo quando si è schiantato durante un raid sul Waziristan Haveli, in Pakistan. Tali velivoli spesso sono testati in Nevada nell’Area 51, dove i teorici della cospirazione sostengono che il governo tiene la sua flotta UFO catturati e gli esperti stimano anche la presenza di una dozzina di aerei che gli Stati Uniti non hanno mai reso pubblici, i moderni successori di programmi segreti precedenti come l’U-2, l’aereo spia SR-71 e il bombardiere stealth B-2.
Trump sarà sicuramente messo al corrente se il governo ha alcuni UFO catturati da Roswell e documenti top-secret di altri incontri ravvicinati).

I poteri di Donald Trump – Legge segreta
Obama nel 2015, quando ha rilasciato la sua Nuova politica sul riscatto degli ostaggi americani, nota come direttiva politica presidenziale (PPD) n. 30, stretti osservatori dell’amministrazione hanno compreso che l’ultima direttiva annunciata pubblicamente era stata la n. 28, il significa che tra il 17 gennaio 2014, e il 24 giugno 2015, non aveva ancora firmato un’altra direttiva la cui stessa esistenza è stata classificata.
La PPD n. 29 qualunque cosa sia, è una delle decine di ordini di sicurezza nazionale presidenziali segreti, alcuni risalgono a decenni. Ogni presidente ha definito questi documenti in modo leggermente diverso, recentemente riguardano le decisioni politiche ad alto livello e strategiche sulla sicurezza nazionale: mentre l’oggetto o il titolo della maggior parte di tali documenti sono resi pubblici al momento della firma, o declassificati piuttosto rapidamente, decine rimangono classificati per decine di anni successivi. Dai titoli, sappiamo che le direttive più classificate hanno a che fare con le armi nucleari, la continuità del governo, la guerra al terrore o di rapporti con l’estero, ma non abbiamo idea di quello che contengono alcuni di questi documenti. Insieme, rappresenta una sempre più ampia “legge segreta” per il mondo esterno, tra cui il Congresso. Il punto centrale di queste leggi e delle procedure è di assegnare poteri al Presidente che la popolazione non conosce e non potrebbe conoscere fino a quando è reso pubblico nel bel mezzo di una crisi, reale o inventata.

I poteri di Donald Trump – Rapporti antiterrorismo
I due più recenti occupanti della Studio Ovale hanno ricevuto regolari istruzioni sulle minacce di terrorismo interno e potenziali sospetti: sulla scia del sanguinoso attentato dell’11 settembre 2001, Bush ogni mattina incontrava Robert Mueller direttore del FBI per visionare un foglio di Excel noto come il “Codice Matrix”.
Il Presidente Obama, il martedì pomeriggio spesso lo dedicava a quello che la Casa Bianca chiama “Martedì del terrore”, per discutere di grandi questioni strategiche, e la lista dei terroristi islamici da eliminare. Bush di giorno in giorno ha rintracciato i singoli sospetti. Il Presidente Donald Trump alla luce dell’ossessiva campagna contro lo Stato Islamico, il terrorismo, l’immigrazione e la sua abitudine di autocompiacimento quando si svolgono azioni delle forze armate americane in tutto il mondo, non è difficile immaginare che personalmente indicherà i raid e gli arresti dei terroristi e poi annunciarli su Twitter.

I poteri di Donald Trump – La vita personale dei leader del mondo (e quella degli americani)
Negli ultimi decenni uno dei preferiti vantaggi presidenziali è stata la lettura del report di sorveglianza del FBI su altri uomini politici e gli americani di primo piano, raccolti e consegnati alla Casa Bianca come quelli del miglior J. Edgar Hoover, funzionario di stato e politico, ha ricoperto il ruolo di direttore del FBI per circa mezzo secolo, vedendo susseguirsi durante la sua controversa carriera ben otto Presidenti degli Stati Uniti.
L’FBI mentre, nella teoria non fornisce più segreti personali per l’intrattenimento morboso o il ricatto politico, gli aiutanti presidenziali possono rivedere i risultati delle indagini essenziale per gli spazi classificati. Inoltre, le agenzie di intelligence come la CIA e NSA forniscono regolarmente alla Casa Bianca e ai diplomatici di alto livello, informazioni sulle abitudini di droga, preferenze sessuali, imbrogli finanziari, associazioni criminali, accuse di corruzione o liti familiari di leader mondiali, figure aziendali estere o altre personalità di spicco. WikiLeaks, per esempio, ha reso pubblico un riservato dispaccio diplomatico degli Stati Uniti accennando al rapporto del dittatore libico Muammar Gheddafi con la sua “bionda voluttuosa” infermiera ucraina.
I dossier di questo tipo portano a momenti interessanti attraverso i tavoli negoziali: per esempio, il presidente saprà se, la notte prima di un incontro pubblico all’Ufficio Ovale, un principe Medio Orientale ha trascorso la serata precedente a fare orge con ragazze squillo a Georgetown. Storicamente, tali informazioni sono state tenute saldamente riservate, ma dato il talento di Trump per la teatralità e la sua propensione per la tattica di fare “terra bruciata” attorno ai suoi avversari, per non parlare anche della sua amicizia con David Pecker, editore di National Enquirer il settimanale statunitense che fornisce tutti gli ultimi pettegolezzi sulle celebrità, è probabile che presto gli americani sapranno molto di più sugli alleati e nemici di tutto il mondo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...