Le dittature avanzano a livello globale

Il V-Dem Institute detiene il più grande database di democrazia al mondo con oltre 30 milioni di punti dati per 202 paesi dal 1789 al 2021. All’Istituto sono collegati oltre 3.700 ricercatori ed esperti di altri paesi che misurano centinaia di diversi indicatori di democrazia. V-Dem Institute appartiene al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Göteborg.
Staffan I. Lindberg, Direttore del V-Dem Institute, ha affermato:
«Lo stesso giorno in cui abbiamo concluso il Rapporto sulla democrazia di quest’anno, il presidente russo Putin ha ordinato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina, questa guerra è condotta dallo stesso uomo che, 20 anni fa, ha innescato la terza ondata di autocratizzazione nel mondo».
L’invasione dell’Ucraina conferma ciò che il V-Dem Institute ha segnalato per anni, che il declino democratico, chiamato autocratizzazione, porta, tra le altre cose, a più guerre. Le tendenze dimostrano che i leader autocratici sono diventati sempre più audaci e non si preoccupano di ciò che pensano gli altri.
Il Rapporto sulla democrazia 2022 appena pubblicato, mostra cifre cupe per lo stato della democrazia nel mondo. Il livello di democrazia nel 2021 per il cittadino medio del mondo è tornato ai livelli del 1989, significa che gli ultimi 30 anni di progresso democratico sono ormai un ricordo del passato.
Le percentuali erano le più alte nel 2012, quando c’erano 42 democrazie liberali nel mondo, in altre parole, democrazie che includono aspetti che vanno oltre il governo del popolo stesso: uno stato governato dallo stato di diritto e dai fondamentali diritti umani. La percentuale nel 2021 è scesa a 34 democrazie liberali, significa che solo il 13% della popolazione mondiale vive in una democrazia come, per esempio, la definiamo in Svezia.
Autocratizzazione significa che le democrazie vengono smantellate, questo è fatto in gran parte da leader eletti che abbattono le istituzioni democratiche: i media, la società civile, le organizzazioni indipendenti e il sistema giudiziario.
Il rapporto descrive anche come l’autocratizzazione sembra cambiare la sua forma attraverso un aumento dei livelli di polarizzazione, disinformazione e Colpi di Stato. Il maggior declino democratico nell’ultimo anno si è verificato nella regione del Pacifico, Europa orientale, Asia centrale, America Latina e Caraibi.
Staffan I. Lindberg ha detto:
«Le nostre misurazioni mostrano che a livello globale le autocrazie chiuse sono aumentate da 25 a 30 paesi. Le dittature sono in aumento in tutto il mondo. Oggi, 5,4 miliardi di persone, il 70%, vivono sotto dittatura».
V-Dem Institute nel suo Rapporto sulla democrazia 2020, quando ha classificato l’Ungheria come una non democrazia, l’UE ha avuto la sua prima dittatura. L’ultimo rapporto mostra che la tendenza continua nell’UE, dove il 20% degli Stati membri è stato autocratizzato nell’ultimo decennio.

, ,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →