Fabbrica di maschere in Cina incrementa la produzione, ha scommesso su Donald Trump, sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti (video)

In Cina una fabbrica cinese nonostante gli attacchi di Donald Trump nella campagna presidenziale degli Stati Uniti (ha detto che la Cina ha intrapreso una “guerra economica” contro gli Stati Uniti, utilizza furbe pratiche commerciali per rubare posti di lavoro agli americani), sta scommettendo sulla sua vittoria, e mira a trarre profitto.
Jinhua Partytime Latex Art and Crafts Factory (nella provincia orientale di Zhejiang, a sud di Shanghai), fabbrica cinese produttrice di maschere, ha iniziato a incrementare la produzione di  migliaia di maschere di Donald Trump, convinta che vincerà le elezioni.
La fabbrica produce tutti i tipi di maschere di gomma e plastica, da quelle di Halloween a Osama bin Laden e Spiderman, ora è impegnata a sfornare migliaia di maschere di due candidati presidenziali degli Stati Uniti, Donald Trump e il suo probabile avversario democratico Hillary Clinton. Finora al prezzo di 5 dollari ha venduto all’incirca 500.000 maschere di Clinton e 500.000 maschere di Trump.

Il direttore della fabbrica Jacky Chene intervistato da Reuters ha detto:
«Vincerà Donald Trump per questo abbiamo iniziato a incrementare la produzione della sua maschera, i cittadini americani voteranno per lui».
Jinhua Partytime Latex Art and Crafts Factory fondata nel 2010 ha 700 dipendenti, afferma di produrre al mondo il 30% di maschere di plastica e gomma, per lo più esportate negli Stati Uniti e in Europa.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento