La dura legge di Singapore rende Sentosa Island il luogo più sicuro per il vertice tra Donald Trump e Kim Jong Un

Il 12 giugno 2018 gli occhi del mondo saranno focalizzati sulla minuscola città-stato asiatica di Singapore, interessati a vedere in città lo storico vertice tra il presidente Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un.
L’incontro tra due dei leader più imprevedibili del mondo nelle migliori circostanze costituirebbe una notevole sfida per la sicurezza: il breve preavviso del vertice e la sua natura speciale aggiungono un ulteriore livello di complicazione per le autorità di Singapore e per i funzionari internazionali.
Gli esperti affermano, tuttavia, che le leggi già severe e l’onnipresente sorveglianza fanno sì che Singapore sia particolarmente all’altezza della sfida. Graham Ong-Webb, ricercatore alla S. Rajaratnam School of International Studies di Singapore, ha detto:
«Non abbiamo proteste a Singapore, se sono avvenute, sono state risolte velocemente. E’ un paese molto sicuro, la scelta come sede del vertice non è stata sorprendente, ha un’immensa quantità d’infrastrutture di sicurezza. Singapore è un organizzatore molto competente di eventi straordinari».
I preparativi nel paese sono già a buon punto, all’inizio della scorsa settimana, in vista del vertice, prima di partire velocemente per incontrare il suo omologo nordcoreano a Pechino, il ministro degli Esteri di Singapore Vivian Balakrishnan ha incontrato il Segretario di Stato americano Mike Pompeo e il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton.
E’ facile capire perché sia dal punto di vista estetico, sia per la sicurezza, il presidente Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un abbiano scelto Singapore come sede per il loro incontro. La città ha una comprovata esperienza, avendo già ospitato il vertice APEC 2009 e altri eventi globali di alto profilo. E’ un’ex colonia cosmopolita britannica, incarna nel migliore dei modi il concetto di “Est incontra-Ovest”.
E’ un centro finanziario ipermoderno e di libero mercato con alcuni principi chiave della democrazia occidentale, ma è stata criticata per quello che molti vedono come un metodo autoritario della legge e l’ordine con una rete tentacolare di polizia di sorveglianza dello Stato e l’applicazione di pene severe anche per piccoli reati: a Singapore è vietato masticare e gettare a terra chewing gum, sputare, compiere atti vandalici e avere rapporti omosessuali.
Tim Bradley, esperto consulente della società di sicurezza Incident Management Group con sede in Florida, intervistato da NBC News ha detto:
«E’ stata una scelta naturale per il vertice, penso che per tanti motivi il governo di Singapore sia molto adatto a fornire la sicurezza, certamente non ha alcun problema a gestire la sorveglianza e il monitoraggio delle persone».
Singapore come parte di un sistema di repressione che è stato criticato dai gruppi di difesa dei diritti umani, ogni anno condanna alla fustigazione centinaia di detenuti. La punizione corporale è diventata una notizia globale nel 1994, quando, nonostante gli appelli per la clemenza da parte del governo degli Stati Uniti, tra cui l’allora presidente Bill Clinton, l’adolescente americano Michael Fay fu condannato a quattro frustate per aver danneggiato alcune auto.
La manifestazione di protesta a Singapore è quasi illegale, c’è poca tolleranza. Il luogo dove si svolge il vertice è il lussuoso Capella Hotel di epoca coloniale sull’isola di Sentosa, circondato dalla spiaggia. E’ stato designato come “area per eventi speciali”, soggetto a misure di sicurezza più severe, conferendo alle autorità poteri di sicurezza supplementari per il periodo del vertice.
L’isola di Sentosa è una grande meta turistica, vanta una serie di alberghi di fascia alta, campi da golf, e un parco a tema Universal Studios. E’ stata una base militare britannica, in seguito dopo l’avanzata nipponica nel Pacifico del 1942, fu utilizzata dai giapponesi come campo di prigionia per militari inglesi e australiani e come luogo di esecuzioni sommarie a danno di singaporiani di origine cinese.
E’ stata anche il luogo di esilio interno per l’ex prigioniero politico di lunga data Chia Thye Poh, imprigionato per più di trent’anni senza accuse né processo per presunte attività a favore del comunismo.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento