Vuoi scoprire se il tuo cane è felice di vederti? Guarda le sue sopracciglia (video)

Gli scienziati hanno scoperto che i cani utilizzano specifiche espressioni facciali per dimostrare quanto sono felici di vedere i loro proprietari. La maggior parte dei padroni dei cani riconosce come segno di gioia lo scodinzolamento della coda del loro animale domestico.
Gli esperti del comportamento animale, suggeriscono che è bene prestare maggiore attenzione alla faccia dell’amico a quattro zampe, ha evidenziato che le emozioni degli animali sono tradite da specifici movimenti del viso, possono rivelare se il cane in realtà è lieto di vedere il proprio padrone.
I ricercatori utilizzando telecamere ad alta velocità, hanno monitorato i cambiamenti nelle facce dei cani quando hanno visto i loro proprietari o quando hanno incontrato un estraneo. Hanno scoperto che i cani, mezzo secondo dopo aver visto il loro proprietario, tendevano a spostare le loro sopracciglia verso l’alto a sinistra; quando gli animali sono stati messi in contatto con qualcuno che non aveva mai incontrato, spostavano leggermente all’indietro l’orecchio sinistro, mentre al cospetto di oggetti non graditi, spostavano il loro orecchio destro.
Il dott. Miho Nagasawa del dipartimento di scienze animali presso l’Azabu University di Sagamihara, Giappone, ha dichiarato:
«E’ difficile spiegare questa differenza di movimento tra le orecchie e le sopracciglia. Le orecchie dei cani sono caratteristiche importanti utilizzate per trasmettere l’espressione emotiva, quindi i nostri risultati suggeriscono che i cani sono stati più cauti verso persone non familiari; al contrario, il movimento delle sopracciglia potrebbe indicare una risposta visibile dei cani che guardano i loro proprietari con più attenzione».

I particolari dell’esperimento
I ricercatori il cui studio è pubblicato sulla rivista Behavioural Processes, hanno collocato dodici cani in una stanza divisa da tende nere che si aprivano brevemente per tutti i cani per far intravvedere ciò che era dall’altra parte.
Etichette colorate sono state inserite sul volto del cane per consentire a una telecamera ad alta velocità di monitorare con precisione il movimento delle loro caratteristiche.
I ricercatori dopo l’apertura della tenda hanno registrato la reazione dei cani quando vedevano il loro proprietario, un estraneo, un giocattolo o un oggetto non gradito. Hanno scoperto che i cani muovevano le sopracciglia verso l’alto ogni volta che vedevano qualcuno dietro la tenda, ma molto di più, in particolare sul lato sinistro, quando era il loro proprietario.
I ricercatori suggeriscono che i sottili cambiamenti sui diversi lati del volto dei cani sono un riflesso di attività in settori chiave del cervello che controllano le emozioni. I cani nell’esperimento stavano vivendo emozioni contrastanti, di gioia nel vedere il loro proprietario ma con la tristezza per non essere in grado di raggiungerli.
Il dott. Miho Nagasawa ha detto:
«Una spiegazione di questo risultato è che la vista del proprietario suscitata emozioni sia negative sia positive. Potrebbe sembrare una risposta negativa forse perché i cani non potevano avvicinarsi e toccare i loro proprietari».
I risultati del dott. Miho Nagasawa arrivano dopo quelli degli psicologi che hanno condotto la ricerca all’inizio di quest’anno per mostrare come molti proprietari sono in grado di rilevare una vasta gamma di emozioni nelle espressioni facciali dei loro animali domestici.
Tina Bloom psicologa della Walden University, a Minneapolis, ha scoperto che anche le persone con la minima esperienza di cani sono in grado di rilevare se le espressioni sono tristi, sorprese, spaventate, felici (vedi foto). Le sue ricerche evidenziano che gli esseri umani hanno sviluppato una naturale empatia con i cani dopo l’evoluzione a fianco a fianco per migliaia di anni, così come per i cani che sono abili a leggere e reagire alle emozioni nei volti umani.
Il dott. Miho Nagasawa ha aggiunto:
«La proprietà è un importante fattore sociale per i cani. Ciò suggerisce che le relazioni di legame uomo-cane hanno una base biologica. I canidi sono molto sociali, comunicano utilizzando un’abbondante serie di espressioni facciali, metodi che possono svolgere un ruolo importante nella loro comunicazione con gli esseri umani».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →