Virologo esperto di Ebola e HIV, contagiato dal Covid-19, afferma che la pandemia è solo all’inizio

Il virologo Peter Piot, direttore della London School of Hygiene & Tropical Medicine, lo scorso metà marzo si è ammalato di coronavirus Covid-19. Ha trascorso una settimana in ospedale e da allora è in convalescenza a casa sua a Londra. Cresciuto in Belgio, nel 1976 è stato uno degli scopritori del virus Ebola, ha passato la sua carriera a combattere le malattie infettive. Ha diretto il Programma congiunto delle Nazioni Unite sull’Hiv/Aids tra il 1995 e il 2008, attualmente per il coronavirus Covid-19 è consulente del presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Il suo confronto personale con il coronavirus Covid-19 è stata un’esperienza che gli ha cambiato la vita.

Contagiato dal coronavirus Covid-19
Il 19 marzo 2020 ho avuto una febbre altissima e un mal di testa lancinante. Il cranio e i capelli mi facevano molto male, il che era bizzarro, all’epoca non avevo la tosse, ma comunque il mio primo riflesso fu di averla. Ho continuato a lavorare da casa, sono uno stacanovista. L’anno scorso ci siamo impegnati molto nel telelavoro alla London School of Hygiene & Tropical Medicine, in modo da non dover viaggiare così tanto. Tale scelta, fatta nel contesto della lotta al riscaldamento globale, ora è molto utile.
Sono risultato positivo al coronavirus Covid-19, come sospettavo. Mi sono messo in isolamento in casa nella stanza degli ospiti, la febbre non è passata, non ero mai stato gravemente malato, non ho preso un giorno di congedo per malattia negli ultimi 10 anni. Vivo una vita abbastanza sana e cammino regolarmente. L’unico fattore di rischio per il coronavirus Covid-19 è la mia età: ho 71 anni. Essendo ottimista, ho pensato che sarebbe passato. Lo scorso 1° aprile un amico medico mi ha consigliato di sottopormi a un esame approfondito perché la febbre e soprattutto la stanchezza peggioravano sempre più.
Venne fuori che avevo una grave carenza di ossigeno, anche se non ero ancora a corto di fiato. Le immagini polmonari mostravano una grave polmonite, tipica del coronavirus Covid-19, e una polmonite batterica. Mi sentivo costantemente esausto, normalmente sono sempre pieno di energia, non era solo stanchezza ma esaurimento completo; non dimenticherò mai quella sensazione. Mi hanno ricoverato in ospedale, anche se nel frattempo sono risultato negativo al virus, questo è tipico anche per il coronavirus Covid-19, il virus scompare, ma le sue conseguenze durano settimane.
Ero abbastanza spaventato, fortunatamente mi hanno dato una maschera di ossigeno e questo ha funzionato, così, sono finito in una stanza di isolamento nell’anticamera del reparto di terapia intensiva, in quella situazione sei stanco, quindi srassegnato al tuo destino. Ti arrendi completamente al personale infermieristico. Vivi in una routine che va dalla siringa all’infusione e speri di farcela, di solito sono abbastanza proattivo nel mio modo di operare, ma qui sono stato un paziente al 100%.
Ho condiviso una stanza con un senzatetto, una donna delle pulizie colombiana e un uomo del Bangladesh, per inciso tutti e tre diabetici, il che è coerente con il quadro conosciuto della malattia. I giorni e le notti erano solitari perché nessuno aveva l’energia per parlare, per settimane potevo solo sussurrare; anche ora, la mia voce perde forza la sera, ma ho sempre avuto questa domanda che mi girava per la testa: come sarò quando ne uscirò?

Tra la vita e la morte
Ho combattuto i virus in tutto il mondo per più di 40 anni, sono diventato un esperto di infezioni, sono contento di aver avuto il coronavirus Covid-19 e non l’Ebola, anche se ieri ho letto uno studio scientifico che ha concluso che hai il 30% di probabilità di morire di coronavirus Covid-19 se finisci in un ospedale britannico. È più o meno lo stesso tasso di mortalità complessivo dell’Ebola nel 2014 in Africa occidentale. Ciò a livello scientifico ti fa perdere la testa, ti abbandoni a riflessioni emotive, a volte ho pensato mi hanno preso. Ho dedicato la mia vita a combattere i virus e alla fine, loro si vendicano. Ricordo che per una settimana sono stato in equilibrio tra cielo e terra, al limite di quella che avrebbe potuto essere la fine; sono stato dimesso dall’ospedale dopo una lunga settimana, sono tornato a casa con i mezzi pubblici. Volevo vedere la città, con le sue strade vuote, i suoi pub chiusi, e la sua aria sorprendentemente fresca, per strada non c’era nessuno, un’esperienza strana; non riuscivo a camminare bene perché i miei muscoli erano indeboliti dalla stanchezza e dalla mancanza di movimento, il che non è una buona cosa quando si tratta di una malattia polmonare. Arrivato a casa ho pianto a lungo. Ho anche dormito male per un po’. Il rischio che qualcosa possa ancora andare seriamente male continua a passare per la testa. Sei di nuovo rinchiuso, ma devi mettere le cose in prospettiva. Ora ammiro Nelson Mandela ancora più di prima. È stato rinchiuso in prigione per 27 anni ma ne è uscito come un grande riconciliatore.
Ho sempre avuto un grande rispetto per i virus, e questo non è diminuito. Ho dedicato gran parte della mia vita alla lotta contro il virus dell’AIDS. È così intelligente, sfugge a tutto ciò che facciamo per bloccarlo. Ora che ho sentito io stesso la presenza irresistibile di un virus nel mio corpo, guardo ai virus in modo diverso. Mi rendo conto che questo mi cambierà la vita, nonostante le esperienze conflittuali che ho già avuto con i virus. Mi sento più vulnerabile.

Eccesso di difesa immunitaria
Ho iniziato ad avere il fiato più corto una settimana dopo essere stato dimesso, sono dovuto tornare in ospedale, ma fortunatamente sono stato curato in ambulatorio. Ho scoperto di avere una malattia polmonare organica indotta dalla polmonite, causata da una cosiddetta tempesta di citochine. È il risultato di un eccesso di difesa immunitaria. Molte persone non muoiono per i danni ai tessuti causati dal virus, ma per la risposta esagerata del loro sistema immunitario, che non sa cosa fare con il virus, per questo sono ancora sotto trattamento con alte dosi di corticosteroidi che rallentano il sistema immunitario: se avessi avuto quella tempesta insieme ai sintomi dell’epidemia virale nel mio corpo, non sarei sopravvissuto. Ho avuto una fibrillazione atriale, con la mia frequenza cardiaca che è arrivata a 170 battiti il minuto; anche questo deve essere controllato con la terapia, in particolare per prevenire eventi di coagulazione del sangue, compreso l’ictus. È questa una capacità sottovalutata del coronavirus Covid-19, probabilmente può colpire tutti gli organi del nostro corpo.
Molte persone pensano che il coronavirus Covid-19 uccida l’1% dei pazienti, e il resto la fa franca con alcuni sintomi influenzali, ma la questione è più complicata: molte persone rimarranno con problemi cronici alle reni e al cuore, anche il loro sistema neurale è alterato. Ci saranno centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, forse di più, che avranno bisogno di trattamenti come la dialisi renale per il resto della loro vita. Più impariamo a conoscere il coronavirus Covid-19, più sorgono domande. Stiamo imparando mentre navighiamo. Ecco perché mi danno tanto fastidio i molti commentatori a margine che, senza molto intuito, criticano gli scienziati e i politici che cercano di tenere sotto controllo l’epidemia, questo è molto ingiusto.

Ritorno graduale alla normalità si spera in un vaccino
Oggi, dopo 7 settimane, mi sento più o meno in forma per la prima volta. Ho mangiato asparagi bianchi, che ordino da un fruttivendolo turco dietro l’angolo di casa mia; sono di Keerbergen, in Belgio, una comunità di coltivatori di asparagi. Le mie immagini polmonari sono finalmente tornate ad essere migliori, per festeggiare ho aperto una buona bottiglia di vino, la prima dopo tanto tempo. Voglio tornare al lavoro, anche se la mia attività sarà limitata per un po’. La prima cosa che ho ripreso è il mio lavoro come consulente speciale coronavirus Covid-19 del presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.
La Commissione è fortemente impegnata a sostenere lo sviluppo di un vaccino. Siamo chiari: senza un vaccino contro il coronavirus Covid-19 non potremo mai più vivere normalmente. L’unica vera strategia di uscita da questa crisi è un vaccino che può essere distribuito in tutto il mondo. Ciò significa produrne miliardi di dosi, il che, di per sé, è una sfida enorme in termini di logistica di produzione. E nonostante gli sforzi, non è ancora certo che lo sviluppo di un vaccino coronavirus Covid-19 sia possibile.
Oggi c’è anche il paradosso che alcune persone che devono la loro vita ai vaccini non vogliono più che i loro figli siano vaccinati, questo potrebbe diventare un problema se vogliamo lanciare un vaccino contro il coronavirus Covid-19, perché se troppe persone si rifiutano di aderire, non riusciremo mai a tenere sotto controllo la pandemia.
Spero che questa crisi allenti le tensioni politiche in diversi settori, può essere un’illusione, ma abbiamo visto in passato che le campagne di vaccinazione contro la polio hanno portato a delle tregue; allo stesso modo, spero che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che sta facendo un grande lavoro nella lotta contro il coronavirus Covid-19, possa essere riformata per renderla meno burocratica e meno dipendente da comitati consultivi in cui i singoli Paesi difendono principalmente i propri interessi. L’OMS diventa troppo spesso un terreno di gioco politico.
Io in ogni caso, rimango un ottimista nato. E ora che ho affrontato la morte, i miei livelli di tolleranza per le sciocchezze e le stronzate sono scesi ancora più di prima. Così, continuo con calma ed entusiasmo, anche se in modo più selettivo rispetto a prima della mia malattia.

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →