I portatori di due specifiche mutazioni genetiche sono a maggior rischio di coronavirus Covid-19

I ricercatori dell’Università di Tel Aviv suggeriscono che i portatori delle mutazioni genetiche PiZ e PiS sono ad alto rischio di malattie gravi e persino di morte per coronavirus Covid-19, nello specifico le mutazioni determinano la carenza della proteina alfa1-antitripsina, che protegge i tessuti polmonari da danni in caso di gravi infezioni. È emerso che altri studi in altre malattie hanno già associato la carenza di questa proteina con danni infiammatori alla funzione polmonare.
Lo studio pubblicato nella rivista The Faseb Journal il 22 settembre 2020, è stato condotto dal Prof. David Gurwitz, Prof. Noam Shomron e Guy Shapira della Facoltà di Medicina Sackler Università di Tel Aviv. I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da 67 paesi di tutti i continenti. I confronti hanno rivelato una correlazione positiva particolarmente significativa tra la prevalenza delle due mutazioni nella popolazione e il tasso di mortalità del coronavirus Covid-19 (adattato alle dimensioni della popolazione) in molti paesi, come Stati Uniti, Regno Unito, Belgio, Spagna, Italia e altri. I ricercatori di conseguenza suggeriscono che queste mutazioni possono essere fattori di grave rischio aggiuntivo per il coronavirus Covid-19, propongono che i loro risultati siano corroborati da studi clinici e, se convalidati, dovrebbero portare ad uno screening a livello di popolazione per identificare i portatori delle mutazioni del PiS e del PiZ. Tali individui dovrebbero poi essere consigliati di prendere misure extra di distanziamento sociale e successivamente essere prioritari per la vaccinazione una volta che i vaccini sono disponibili. I ricercatori sottolineano che queste misure possono essere efficaci nel ridurre la morbilità e il tasso di mortalità del coronavirus Covid-19.
L’analisi dei database, secondo i dati di settembre 2020, rivela che in Belgio, dove 17 persone su 1.000 sono portatrici della mutazione PiZ (la più dominante delle due mutazioni discusse in questo studio), il tasso di mortalità del coronavirus Covid-19 era di 860 per milione; in Spagna il quadro è simile: 17 cittadini su 1.000 sono portatori della mutazione PiZ, e il tasso di mortalità del coronavirus Covid-19 è di 640 per milione; negli Stati Uniti, dove 15 persone su 1.000 sono portatori della mutazione, 590 su ogni milione sono morti a causa del coronavirus Covid-19.
I numeri nel Regno Unito sono in linea con la tendenza generale: 14 persone su 1.000 portatori della mutazione, il tasso di mortalità del coronavirus Covid-19 è di 660 per milione; in Italia, dove 13 persone su 1.000 sono portatori della mutazione, il tasso di mortalità è di 620 per milione; in Svezia, dove 13 persone su 1.000 sono portatori della mutazione, il tasso di mortalità è di 570 per milione.

Tasso di mortalità inferiore in Africa e Sud Est asiatico
I ricercatori viceversa hanno rilevato che in molti Paesi dell’Africa e del Sud Est asiatico, dove queste mutazioni sono relativamente rare, i tassi di mortalità di coronavirus Covid-19 sono proporzionalmente bassi a partire da settembre 2020; in Giappone, dove 9 su un milione di persone sono morte a causa della pandemia, la prevalenza delle mutazioni è trascurabile. Numeri simili sono stati riscontrati anche in Cina, Corea del Sud, Taiwan, Tailandia, Vietnam e Cambogia.
Il team di ricercatori in conclusione ha detto:
«La nostra analisi dei dati rivela una forte correlazione tra queste mutazioni, le gravi malattie e i decessi dovuti al coronavirus Covid-19. Invitiamo la comunità di ricerca a testare la nostra ipotesi sulla base dei dati clinici, chiediamo anche ai responsabili delle decisioni in ogni paese di condurre uno screening a livello di popolazione per identificare i portatori di mutazioni e di dare loro la priorità per la vaccinazione una volta che i vaccini per il coronavirus Covid-19 sono stati approvati. I portatori delle mutazioni genetiche PiZ e PiS nel frattempo dovrebbero essere informati che potrebbero appartenere a un gruppo ad alto rischio e dovrebbe essere loro consigliato di mantenere un rigoroso isolamento sociale».

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →