Il colluttorio potrebbe ridurre il rischio di diffondere il coronavirus Covid-19

I ricercatori hanno detto che questa non è un’opzione di trattamento praticabile per coloro che sono già stati infettati dal virus. Il nuovo studio condotto dai ricercatori della Ruhr University ha scoperto che il collutorio potrebbe essere un modo efficace per ridurre la diffusione del coronavirus Covid-19.
Gli ingredienti presenti in molti collutori facilmente accessibili si sono rivelati efficaci per schiarire la gola e la bocca dai germi, ma non erano necessariamente efficaci come agente protettivo o come opzione di trattamento per coloro che hanno già contratto il virus.
I risultati dello studio pubblicato online il 29 luglio 2020 nella rivista The Journal of Infectious Diseases, sono stati descritti dal team guidato da Toni Meister, la professoressa Stephanie Pfänder e il professor Eike Steinmann del gruppo di ricerca di virologia molecolare e medica di Bochum.

Otto collutori in un test di coltura cellulare
I ricercatori hanno testato otto collutori con diversi ingredienti disponibili nelle farmacie o supermercati in Germania. Hanno mescolato ogni collutorio con particelle di virus e una sostanza interferente, che aveva lo scopo di ricreare l’effetto della saliva in bocca. La miscela è stata quindi agitata per 30 secondi per simulare l’effetto dei gargarismi. Hanno quindi utilizzato cellule Vero E6, particolarmente ricettive al Sars-Cov-2, per determinare il titolo del virus. I ricercatori al fine di valutare l’efficacia dei collutori, hanno anche trattato le sospensioni virali con un mezzo di coltura cellulare anziché con il collutorio prima di aggiungerle alla coltura cellulare.
Tutti i preparati testati hanno ridotto il titolo virale iniziale. Tre collutori lo hanno ridotto a tal punto che nessun virus è stato rilevato dopo un tempo di esposizione di 30 secondi. La conferma dell’effetto e il tempo di durata dovrà essere esaminato in ulteriori studi.
Gli autori sottolineano che i collutori non sono adatti per il trattamento del coronavirus Covid-19. Toni Meister ha detto:
«Fare i gargarismi con un collutorio non può inibire la produzione di virus nelle cellule ma potrebbe ridurre la carica virale a breve termine da cui proviene il maggior potenziale di infezione, vale a dire nella cavità orale e nella gola: potrebbe essere utile in determinate situazioni, come dal dentista o durante le cure mediche dei pazienti coronavirus Covid-19».

Studi clinici in corso
Il gruppo di Bochum sta esaminando le possibilità di uno studio clinico sull’efficacia dei collutori sui virus Sars-Cov-2, durante il quale gli scienziati vogliono verificare se l’effetto può essere rilevato anche nei pazienti e per quanto tempo dura. Studi simili sono già in corso a San Francisco, il team di Bochum è in contatto con i ricercatori americani.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →